Effetto interno-esterno: terremoto nei Balcani

Il risultato delle elezioni politiche mostra probabilmente una tendenza nuova. Ma siamo pur sempre nel pozzo della recessione economica europea e nei Balcani dove l’Unione europea ha segnato i destini delle piccole patrie del sud-est emerse dall’esplosione dell’ex Jugoslavia. Stavolta l’Hdz (Unione democratica croata) ha pagato sia la disastrata situazione dell’economia che la connessa stagione di scandali e corruzione del governo di Ivo Sanader, leader dell’Hdz prima del suo arresto e della sua detenzione.
Secondo i risultati, l’Hdz guidata dalla premier uscente Jadranka Kosor crolla dal 36% di 4 anni fa al 22-23%, conquistando solo 45 dei 140 seggi del parlamento, contro gli 80 della coalizione di centrosinistra «Kukuriku» (Chicchirichì, il canto del gallo, dal nome di un locale di Kastav presso Rijeka-Fiume nel quale un anno e mezzo fa la coalizione si riunì per la prima volta) guidata dal partito socialdemocratico (Spd) di Zoran Milanovic (nella foto in alto). A lui ora il presidente della repubblica Ivo Josipovic affiderà  l’incarico di premier con il compito, difficile, di riformare l’economia e di adottare – Ue docet – ingrate misure di austerity. Il tasso di crescita della Croazia è fermo a +0,5%, la disoccupazione oltre il 17%. In campagna elettorale il centrosinistra ha promesso che la legge finanziaria per il 2012 sarà  pronta a marzo, per evitare un declassamento del debito sovrano croato, ora al 60% del Pil con il rating BBB- e un outlook negativo secondo Standard and Poor’s.
Ma all’affermazione della coalizione di centrosinistra si è accompagnata anche quella di nuove formazioni di sinistra, come il Partito laburista operaio di Lesar (6 seggi) e la conferma delle liste democratiche delle minoranze, italiana e serba, (4 seggi). Ora la Croazia diventerà  membro dell’Ue nel 2013, lascito «positivo» dell’ex premier Kosor che firmerà  il trattato di adesione il 9 dicembre a Bruxelles. Una firma che sa di «ipoteca» della destra. Visto che la tanto agognata adesione avviene nel bel mezzo della ridiscussione dei Trattati a fronte della recessione economico-finanziaria dell’Eurozona.
In Slovenia, membro dell’Ue dal 2004, tutte le previsioni elettorali davano certa la vittoria dell’opposizione di destra del Partito democratico guidato dal leader nazionalista-conservatore Janez Jansa, dopo l’uscita di scena del governo di centrosinistra del premier Borut Pahor, leader dei Democratici sociali (Ds), sfiduciato a settembre dopo avere presentato un duro pacchetto di austerity e dopo aver perso un referendum sulla riforma delle pensioni che prevedeva un drastico innalzamento dell’età  pensionabile. E invece, a sorpresa, a vinto il sindaco di Lubiana Zoran Jankovic (nella foto in basso), imprenditore milionario considerato l’uomo più ricco del paese, con il suo movimento di sinistra laica e sui diritti civili «Slovenia Positiva», da lui fondato meno di un mese fa, che ha ottenuto il 29% dei voti e 28 deputati sui 90 del Parlamento sloveno. Il Partito democratico di Jansa è secondo con il 26% e 26 deputati, mentre i socialdemocratici (Ds) del premier uscente Borut Pahor hanno ottenuto il 10% e 10 deputati. Al quarto posto un’altra formazione nuova, il partito fondato dall’imprenditore Gregor Virant, con l’8% dei voti. I Ds di Pahor sono scesi in soli 3 anni dal 31% al 10,5%. Hanno pesato fortemente i dati sul raddoppio della disoccupazione arrivata in 4 anni all’11%, l’assenza di crescita e di lavoro, l’alto debito pubblico esposto alla speculazione internazionale (le agenzie di rating hanno declassato il debito sloveno a settembre). Il conservatore Jansa è stato penalizzato dal vecchio scandalo per corruzione che lo vede imputato per una tangente del 2006 quando era premier, e per nuove malversazioni rese pubbliche sul finire della campagna. Ma soprattutto ha pesato l’annuncio di privatizzazioni immediate e altri tagli all’amministrazione pubblica e al welfare.
Difficile fare un governo duraturo, a Zagabria e ancora di più a Lubjana. In Croazia i numeri lo consentono, ma se vorrà  durare la coalizione «Kukuriku» dovrà  avviare un’austerity di segno sociale diverso, perché per sostenersi dovrà  «spostarsi a sinistra». I «mercati» internazionali non dovrebbero essere felicissimi di questi risultati.


Related Articles

L’economia rimossa dalle urne

GERMANIA AL VOTO
Si è trattato di una campagna elettorale per molti versi strana, quasi all’italiana, nel senso che non si sono affrontati adeguatamente i temi importanti, nello specifico quello dell’Europa e quello, in parte almeno correlato, delle strategie per lo sviluppo dell’economia.

Vertice Ue: l’ingombrante Mrs.Brexit

Consiglio europeo. Londra vuole contare su tutti i fronti e non cedere nulla. I 28 discutono di sicurezza, immigrazione, difesa, commercio internazionale. Avvertimento alla Russia per Aleppo, ma per il momento escluse nuove sanzioni. La firma del Ceta in forse. Draghi conferma il QE.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment