Ancora violenti scontri tra disertori e governativi

All’indomani dell’apertura delle urne per il rinnovo dei consigli municipali in tutto il paese, la giornata di violenza è cominciata prima dell’alba con la notizia dell’esplosione di un tratto di un gasdotto vicino alla città  di Rastan, nella regione centrale di Homs: poco lontano dal luogo in cui, giovedì scorso, si era verificato il sabotaggio contro un oleodotto. «In un’operazione di sabotaggio, un gruppo terrorista armato ha fatto esplodere un gasdotto nei pressi di Rastan, a Homs, senza provocare vittime», aveva comunicato l’Agenzia di stato Sana: subito smentita dagli oppositori, secondo i quali «né i rivoluzionari, né i disertori hannoresponsabilità  nell’esplosione». La responsabilità , secondo gli attivisti, sarebbe invece da attribuire al regime, che avrebbe così potuto motivare «i bombardamenti di Rastan». La Sana ha comunicato che, le guardie di frontiera hanno sventato un tentativo di ingresso nel paese di 15 uomini armati provenienti dal territorio turco. Nello scontro, due terroristi sono stati uccisi mentre non si registrano feriti o uccisi tra le guardie di frontiera. La Turchia ha nuovamente smentito ogni coinvolgimento, negando di aver mai autorizzato azioni militari a partire dal proprio territorio. Ieri, l’Alto Commissario Onu per i diritti umani, Navi Pillay, ha riferito in una riunione a porte chiuse ai 15 membri del Consiglio di sicurezza dedicata alla situazione Siria. «In agosto avevo dichiarato che in Siria erano state uccise 2.500 persone. Oggi ho riferito che i morti sono oltre 5.000. La violenza deve finire», ha detto.


Related Articles

«In 4 anni Obama ha fallito Ma Romney ha un piano»

Capelli ben pettinati, sorriso smagliante, l’aria ottimista, il governatore del Texas Rick Perry è sicuro di aver in tasca la ricetta per far ripartire l’America: «La cosa più importante che il governo deve fare è creare un ambiente in cui le persone possano investire i loro capitali per avere un ritorno e questo si fa tenendo bassa la tassazione sul reddito e riducendo al minimo le liti legali».

La banca centrale greca rassicura: «Non ci sono rischi per le nostre banche»

Grecia. Rassicurazioni della Banca centrale. Tensione per l’incontro di lunedì. La Bce innalza l’«Ela» per le banche elleniche

Proteste in India: un mix di rabbia e marxismo, è l’ora dell’orgoglio dalit

Manifestazioni anche a Mumbai. Nelle piazze del Maharashtra la reazione degli «intoccabili» alle aggressioni della destra ultrainduista

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment