Settemila detenuti: abusi e torture nella nuova Libia

Sorprende però il numero dei «nuovi» reclusi vittime di ogni genere di ritorsioni: 7 mila in poche settimane, tra cui donne e bambini. Finiti dentro per mano delle milizie ribelli senza un processo, «in assenza di una forza di polizia e di un sistema giudiziario che funzionino», denuncia un rapporto Onu che sarà  presentato lunedì in Consiglio di sicurezza. Il testo documenta una serie di violenze, torture e abusi «degni» del vecchio regime. Con neri immigrati per lavoro dall’Africa subsahariana maltrattati per il colore della pelle e presi per «mercenari» di Gheddafi; donne poste sotto le grinfie di «secondini» maschi; bambini tenuti in cella con gli adulti. Nel mirino dell’Onu ci sono le «brigate rivoluzionarie»: create su base tribale per combattere il regime, esercitano ancora un forte potere nelle loro regioni. Il Cnt ha sì iniziato ad assumerne il controllo ma non è nella posizione migliore per fermare le purghe visto che molti dei suoi membri hanno loro stessi paura di essere accusati di legami con la dittatura.
La caccia ai gheddafiani è spietata: a Sirte, città  natale del raìs, la gente vive nel terrore. Il rapporto Onu cita anche il caso degli abitanti di Tawergha accusati di sostenere Gheddafi durante l’assedio di Misurata: prelevati dalle loro case, alcuni sarebbero stati torturati o giustiziati in cella. Per mano di miliziani spesso accecati dalla vendetta, avendo avuto parenti uccisi sul campo o in prigione.
Ma c’è anche chi ne approfitta per accanirsi contro quanti provengono da città  o clan nemici: in un Paese lacerato da 42 anni di dittatura, l’accusa di legami col vecchio regime può essere usata anche per screditare i rivali.


Related Articles

Stragi dei braccianti. «Il viaggio della morte costa 5 euro»

Il trasporto dalle baracche ai campi viene pagato dagli stessi lavoratori

Caritas, al via il convegno del Coordinamento nazionale immigrazione

A Modica, in Sicilia, 80 delegati provenienti da circa 50 diocesi affronteranno i temi dell’emergenza sbarchi e dell’accoglienza. Forti: “Un’occasione per promuovere l’accoglienza e discutere sui ruoli dei protagonisti su cui c’è ancora poca chiarezza”

Polizze più care per gli stranieri, le assicurazioni fanno marcia indietro

 

La cittadinanza di appartenenza non sarà  più tra i parametri utilizzati per definire il prezzo delle assicurazioni Rc Auto delle compagnie Quixa e Zurich. Lo hanno reso noto le stesse società  assicurative, nel novembre scorso state citate in giudizio

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment