Milano, sgombero annunciato per domani. “Il comune si fermi”

MILANO – Ore contate per il campo rom abusivo sorto vicino a quello regolare di via Bonfadini. Per domani è previsto lo sgombero. È quanto la polizia avrebbe annunciato al 100 di romeni che ci abitano. Notizia confermata anche da Djana Pavlovic, portavoce della Consulta rom e sinti di Milano: “Chiediamo al Comune di sospendere lo sgombero -afferma-. Come è possibile che da una parte si lanci una raccolta indumenti per il piano antifreddo per i senza dimora e dall’altra di distruggano le baracche dei rom? Per caso i bambini rom non sentono il freddo?”.

Nel campo abusivo si sono concentrate famiglie che hanno subito in questi anni diversi sgomberu. “Sarà  anche questo illegale -aggiunge Djana Pavlovic-, perché non c’è nessuna ordinanza e perché il Comune non offre una sistemazione alternativa, come prevedono le norme internazionali”. La Consulta rom e sinti ha più volte chiesto alla Giunta Pisapia una moratoria degli sgomberi. “Vengono cacciati via di continuo -sottolinea-. Siamo di fronte a una persecuzione. Il Comune si fermi, dialoghi con queste persone che da anni vivono a Milano e cerchi con loro le soluzioni”.

Il Consiglio di Stato ha dichiarato illegittimo il decreto del presidente del Consiglio dei Ministri del 21 maggio 2008 con cui è stato varato il Piano nomadi a Roma e Milano. “Sono pertanto nulli tutti gli atti che il Prefetto e il Comune di Milano hanno deliberato in base alla cosiddetta ‘emergenza nomadi’ -spiega Djana Pavlovic-. E ora l’assessore Marco Granelli dovrebbe avere almeno la prudenza di sospendere gli sgomberi”. (dp)

 

© Copyright Redattore Sociale


Related Articles

Pillola abortiva, Italia a due velocità  boom in Liguria e nel Lazio niente

A 6 mesi dall’introduzione del farmaco, ecco l’impiego che se ne fa.  Tecnica utilizzata in pochi ospedali In alcune regioni le ordinazioni sono pressoché nulle. Dove la Ru486 è in uso, la maggior parte delle donne rifiuta il ricovero e torna a casa

 

Un viceministro e più fondi: così cambia la cooperazione

La commissione Esteri del Senato ieri ha approvato in via definitiva la legge di riforma sulla cooperazione allo sviluppo. Il sì è arrivato dalla Commissione in sede deliberante sul testo già approvato da Montecitorio

Cusago, sicuri da morire

E’ proprio vero che la miglior difesa è l’attacco. In un articolo del Venerdì di Repubblica (D’Aprile, 9 novembre), si fa l’elogio del «sistema di allerta precoce» del Dipartimento Antidroga, per individuare in rete e impedire lo svolgimento dei rave: citando (senza vergogna) l’amara vicenda di Cusago del 27 ottobre scorso, quale perla del sopradetto sistema di prevenzione.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment