Immigrazione. L’Europa in crisi chiude le porte

Secondo un esperto citato da Dagens Nyheter, la crisi economica ha reso ancora più difficile l’armonizzazione: alcuni paesi adottano una politica più “aperta” temendo di essere obbligati a ricevere un numero ancora più elevato di domande, mentre altri (come la Grecia) hanno semplicemente rifiutato di accogliere nuove richieste d’asilo. Altri paesi ancora, come Finlandia e Paesi Bassi, subiscono l’influenza dei partiti populisti di destra. Il commissario punta il dito contro la Grecia, attraverso la quale 80mila persone sono entrate nell’Ue negli ultimi due anni e dove “le condizioni di accoglienza sono al di sotto dell’umanamente accettabile”. Un lungo reportage di Dagens Nyheter sul centro di accoglienza di Tychero, alla frontiera con la Turchia, conferma le accuse del commissario.

Per ripartire meglio il carico dell’accoglienza dei rifugiati, Malmstrà¶m vorrebbe che i paesi più sollecitati fossero aiutati dagli altri. Le sue proposte saranno discusse il 13 dicembre in occasione del Consiglio dei ministri dell’Ue.


Related Articles

Grecia «A Kiev i neonazisti sono stati cruciali»

Grecia antifascista . All’incontro europeo di Atene anche testimonianze ucraine

Al Jazeera: “Gheddafi tratta l’addio no dei ribelli a un salvacondotto”

Ma i bombardamenti continuano. I raid trasmessi dalla tv libica. Colpita Misurata: negli ospedali decine di feriti Sotto attacco Ras Lanuf. Zawiya è assediata da due settimane: ormai è senz’acqua ed elettricità  Bloccati i telefoni

A Praga un enorme dito medio contro il degrado della politica

È alto dieci metri, galleggia e punta verso la presidenza

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment