Primo, ridurre l’infezione Hiv Massimo Oldrini

Partiamo dai dati epidemiologici: in Italia sono almeno 165.000 le persone affette da Hiv secondo l’Istituto superiore di sanità ; altri organismi internazionali stimano 200.000 casi. Le aree metropolitane – Milano, Roma, ma non solo – hanno tassi di prevalenza quasi africani. In Lombardia, emerge che 44.700 lombardi vivono con l’Hiv, cui vanno aggiunti quanti hanno l’Hiv ma non ne sono consapevoli; il numero potrebbe quindi aumentare di 5.000/20.000 unità . Anche in altre regioni i tassi annui d’incidenza sfiorano il 10%. Per l’epatite C (Hcv) i dati sono pochissimi: si stimano un milione di casi ma, senza un sistema di sorveglianza, poco si sa di un’infezione che riguarda non solo i consumatori per via iniettiva, ma anche quanti sniffano.
Le relazioni governative annuali sulle tossicodipendenze segnalano una più larga diffusione di sostanze quali la ketamina per via iniettiva; sottolineano che, sebbene la media nazionale di prevalenza dell’Hiv si attesti all’11,1% e dell’Hcv al 61%, in Lombardia essa supera il 35% per Hiv e l’80% per Hcv; altre regioni vanno ben oltre la media nazionale. Ci sembra quindi assurdo relegare l’obiettivo sanitario a fanalino di coda.
Né si può ignorare la spesa, anche se la questione economica non può essere esclusiva: i farmaci per l’Hiv rappresentano una delle prime voci della spesa farmacologica; in Lombardia, nel 2010 si sono spesi circa 300 milioni di euro per l’assistenza alle persone che vivono con l’Hiv, di cui 193 in terapie.
I primi programmi di scambio-siringhe si sono sviluppati nel nord Europa negli anni ’80, prendendo avvio in Olanda grazie all’iniziativa degli stessi consumatori. Vanno sicuramente attualizzati ma le problematiche dell’Hiv e dell’epatite C non possono essere trascurate; tanto più oggi, che anche la comunità  scientifica italiana ha finalmente preso una posizione favorevole riguardo la riduzione del danno e gli organismi governativi (Ministero della Salute e Dipartimento Antidroga) stanno rivedendo i loro pregiudizi. Certamente la legislazione italiana sulle droghe va rivisitata: l’approccio repressivo e punitivo – è ormai scientificamente provato – fa aumentare le infezioni e lievitare i costi, induce nuovi bisogni sociali e provoca ulteriore sofferenza. Va detto che l’ostracismo ideologico verso la riduzione del danno non è esclusivamente italiano; solo con Obama, gli Usa hanno aperto al finanziamento pubblico di questi interventi.
A nostro parere, deve esserci maggiore connessione tra mondo delle dipendenze e mondo clinico-infettivologico.
Anche se gli interventi di riduzione del danno hanno portato con sé un’importante apertura ai diritti e ad altri temi sociali, devono essere prioritariamente finalizzati alla difesa della salute.


Related Articles

Sfruttate dalla coop dei rifiuti Lavoratrici nigeriane in lotta

La Ideal Service, aderente alla Lega delle cooperative, ha aperto le procedure di mobilità per alcune operaie. Ieri sciopero delle

Che razza di festa! Strage sul lavoro: ieri due morti, già 98 per Covid

Primo Maggio. I dati Inail: ben 28mila denunce di infortuni da contagio. Ma sono solo il 40% del totale. Quasi la metà dei casi da contagio riguarda infermieri e tecnici. Il 71% del totale sono donne

Batterio killer. Amburgo, la città  della paura

 Il Wochenmarkt di Amburgo. Il Wochenmarkt di Amburgo. bildarchiv-hamburg.de

La città  portuale, la più colpita dai casi di E.coli, è in preda a una vera e propria psicosi. Nel timore del contagio, gli abitanti evitano i vegetali e commercianti e ristoratori cercano di adeguarsi come possono.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment