Turchia, tra bombe e politica

Tensione interna, ma il momento della Turchia è complesso sotto tutti i punti di vista, questo non potrà  che alimentare mille sussurri sulla bomba di Ankara. Pista curda? Servizi turchi? E perché non il Mossad israeliano? Può essere tutto, visto la violenta offensiva anti curda condotta anche in territorio iracheno, per non parlare della continua tensione tra governo e militari in Turchia, fino alla guerra delle parole con Israele.

Come – quasi – sempre è probabile che non si otterrà  una risposta concreta, ma il clima è avvelenato da tante, troppe pressioni. Un allarme in questo senso l’ha dato il cancelliere tedesco Angela Merkel, che ha espresso al presidente turco Abdullah Gul le sue preoccupazioni per la recente crescita della tensione fra Ankara e il governo israeliano.

L’Ue, da tempo, con Ankara non sa che pesci prendere. Non può perdere la Turchia, non può invitarla a pieno titolo nel club di Bruxelles, viste le resistenze a cominciare dalla Francia, non può e non si vuole trovare coinvolta in una degenerazione dei rapporti tra la Turchia e Israele. Il premier turco Erdogan, due giorni fa, ha minacciato la rottura delle relazioni diplomatiche con l’Ue. Obiettivo degli strali di Erdogan, questa volta, è la presidenza dell’Unione che, da luglio a dicembre del 2012, toccherà  alla Repubblica di Cipro. La parte greca, perché in Europa c’è solo quella.

La storia è nota: nel 1974 l’esercito turco occupa la parte settentrionale dell’isola del Mediterraneo. La popolazione turca, in maggioranza al nord, ‘necessitava’ della protezione di Ankara secondo i militari turchi. Da allora l’isola è divisa e un tentativo di riunificazione, in extremis, dell’Onu è naufragato nel 2004, perché la parte a maggioranza greca si è opposta alla riunificazione. Erdogan, adesso, minaccia di non riconoscere alcuna legittimità  alla presidenza cipriota, in quanto non rappresentativa di tutta l’isola.

La questione è, in realtà , un altra e ha a che fare con quella che è stata già  ribattezzata la ‘guerra del gas’ tra Turchia, Cipro e Israele. ”Una provocazione contraria al diritto internazionale” è stato definito da Erdogan l’annuncio cipriota dell’avvio di trivellazioni per la ricerca di idrocarburi presso le coste orientali dell’isola, chiedendo che vengano bloccate con effetto immediato, dichiarandosi pronto a pattugliare la zona ”con aerei, fregate e torpediniere”.

Si tratta delle ricerche nel cosiddetto Blocco 12, il grande giacimento sottomarino Leviathan, scoperto tra Israele e Cipro. Una compagnia statunitense, la Noble Energy, è pronta a iniziare i lavori. Ma Cipro Nord, repubblica riconosciuta solo da Ankara, sarebbe tagliata fuori. Erdogan non ci sta e minaccia tuoni e fulmini. Al punto che, come tanti altri prima di lui, vien da chiedersi quanto sia strumentale la polemica con Israele.

Il gas, si sa, fa molto gola a una potenza economica emergente. Una crescita che veleggia, mentre il mondo economico globale agonizza, al 9 percento annuo, ha bisogno di risorse energetiche. Ritrovarsi in casa, perché Ankara tratta Cipro Nord come una regione del Paese, è un boccone troppo grosso per non affondarci i denti. Le tensioni con Israele, acuite dal viaggio di Erdogan in Libia, Tunisia ed Egitto, potrebbero sgonfiarsi appena Israele accettasse di trattare. Anche perché, se non è così, non si capisce davvero dove Erdogan voglia arrivare.


Related Articles

Germania, paura per Benedetto XVI un folle spara prima della messa

Quattro colpi da un sottotetto. Ferita lievemente un’agente. Il trentenne tedesco è stato arrestato nel suo appartamento e interrogato fino a notte fonda 

Dalla crisi ai migranti, la Gre­cia solidale è indignata con l’Europa

Grecia. 50 mila arrivi solo a luglio, situazione al collasso. Tsipras: «Noi offriamo tutto quello che possiamo». E attacca i nuovi arrivati nell’Unione europea

Brasile, un milione di indignados

“Basta calcio, investite su di noi”, è guerra nelle piazze: due morti. La Fifa: “Se la violenza non si ferma Mondiali 2014 a rischio”

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment