“Le banche hanno manipolato il Libor” indagine sull’indice di mutui e prestiti

LONDRA – Dietro la grande crisi finanziaria che tre anni fa ha messo in ginocchio decine di banche, provocando un terremoto globale di cui il mondo occidentale sente ancora le conseguenze, potrebbe esserci una truffa, una «stangata» colossale, i cui responsabili, se emergeranno prove in grado di condannarli, rischiano pesanti sentenze carcerarie. E’ quanto trapela dalle indagini avviate dalle autorità  americane sui mercati di New York e di Tokyo, in collaborazione con agenzie governative di Gran Bretagna, Giappone e Unione Europea, secondo quanto fonti a conoscenza dell’inchiesta rivelano al Financial Times, che ha sparato ieri la notizia in prima pagina.
Al centro dei sospetti ci sono il Libor, l’indice di riferimento del mercato interbancario, sulla base del quale si calcolano gli interessi sui mutui, sui prestiti fra banche e il costo dei derivati, un punto di riferimento per 350 miliardi di dollari di contratti; e il Tibor, una versione più piccola del Libor, basata a Tokyo.
L’ipotesi degli inquirenti del dipartimento di Giustizia Usa, che indagano insieme a funzionari della Commodity Futures Trading Commission (Cftc), è che agenti di cambio di varie banche abbiano complottato con dipendenti di vari ministeri del Tesoro (cioè con coloro che aiutano a stabilire il valore del Libor), per fare muovere l’indice in una determinata direzione, approfittandone poi per scommettere su futuri tassi di cambio dello yen e del dollaro.
Un secondo filone dell’inchiesta guarda alla possibilità  che alcune banche abbiano cercato di abbassare il livello del Libor per i loro prestiti, in modo da apparire più solide di quanto fossero.
La rivelazione che fa suonare campanelli d’allarme a Wall Street e nella City di Londra è che gli investigatori americani sono intenzionati a utilizzare un pacchetto di leggi già  usate per precedenti violazioni nel settore delle commodity, risultate in condanne carcerarie fino a 14 anni di prigione e in accordi extragiudiziari per centinaia di milioni di dollari. Tre aziende energetiche americane hanno ottenuto di rinviare l’imputazione a giudizio per i propri dipendenti, in cambio dell’accordo a pagare risarcimenti danni per un totale di 90 milioni di dollari. Altre venti società  energetiche, indagate per reati analoghi dalla Cftc, hanno raggiunto un accordo extragiudiziario per un totale di 300 milioni di dollari.
Non è la prima volta che vengono ipotizzate speculazioni illecite dietro la crisi finanziaria del 2008 e più in generale dietro il lato oscuro di mercati in cui nuovi meccanismi finanziari rendono possibili azzardi – e trucchi o addirittura vere e proprie truffe – da casinò. Ma le indagini sollevano ora per i banchieri e manager coinvolti lo spettro della galera, sebbene nessun banchiere sia ancora finito in carcere per il collasso finanziario globale di tre anni or sono.


Related Articles

Ungheria, all’Audi di Gyor si prepara lo sciopero per salari più alti

Ungheria. I sindacati potrebbero proclamarlo la prossima settimana nello stabilimento di Gyor

Radiografia di un declino

Scarsa produttività, supertasse e 3 mila giorni per una causa civile ecco le cause del declino italiano

Come tassare la speculazione e vivere meglio

Il mondo ha salvato la finanza cocainomane, ora c’è il rischio concreto che la finanza possa uccidere chi l’ha mantenuta in vita. Non tanto i governi, che hanno deciso nel momento dello tsunami di mettere a disposizione del sistema finanziario oltre 13.000 miliardi di dollari (dati del Fondo monetario internazionale), quanto i cittadini dei paesi che hanno visto aggravarsi pesantemente i deficit pubblici, non a causa di un incremento della spesa pubblica per investimenti o welfare, ma per pubblicizzare banche o per costituire società  ad hoc dove inserire titoli e immobili tossici.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment