IL PASSO INDIETRO

Ma è mai possibile che non uno dei numerosi vassalli, di fronte alle rivelazioni impudiche che ormai ci arrivano addosso come marosi, senta il dovere di prendere le distanze dal fango e dalla volgarità , se non in nome della propria coscienza, per timore del severo giudizio che un giorno potrebbe arrivare sul loro comportamento da parte dei propri figli, in nome insomma della posterità  e della non proprio silente riprovazione del mondo intero che ci osserva a bocca aperta?
Penso a personaggi come l’onorevole Maurizio Lupi, un cattolico che ciancia spesso dei suoi ideali e dell’onestà  del suo impegno politico. Quali ideali, onorevole Lupi? Io, quando leggo delle «prodezze» del signor B. mi sento calato in un clima etico-ideologico degno dei peggiori «eroi» di de Sade, non soltanto cinici e maniaci come nazisti ante-litteram, ma teorizzatori di un machismo a oltranza per il quale l’universo femminile è niente più che un parco divertimenti per uomini super-potenti, super-dotati, super-violenti.
Il signor de Sade! In La nouvelle Justine Coeur-de-Fer, rivolto all’infelice protagonista del libro, così si esprime: «…essendo l’intenzione della natura quello che ogni individuo realizzi quaggiù tutti gli scopi per i quali è stato creato, ed essendo le donne solamente per servire i godimenti degli uomini, è evidente che, resistendo alle sue mire, voi la oltraggiate; così facendo, scegliete di essere una creatura inutile al mondo e di conseguenza spregevole…»
Che Berlusconi la pensi così è da tempo fuori dubbio. La pensa così anche lei, onorevole Lupi? La pensa così anche lei, presidente Roberto Formigoni? La pensa così anche lei, onorevole Osvaldo Napoli? La pensa anche lei così, ministro Mara Carfagna? Anche lei, ministro Mariastella Gelmini? Possibile che non uno/una di voi, quale che sia l’incarico ricoperto, si dimetta, alzi un dito e dica, alla maniera dello storico linguista partenopeo Basilio Puoti, «Amici, me ne vado, e si può dire anche io me ne vo»?
So bene che qualche cauta dissociazione c’è stata: per esempio quella dell’onorevole Giuseppe Pisanu, che ha chiesto a Berlusconi di farsi da parte.
Mah! Onorevole Pisanu, non sarebbe stato meglio se si fosse dimesso lei? Se avesse avuto quello scatto d’orgoglio necessario per gridare a tutti di avere le scatole piene del porcile? Di essere ansioso di tacitare la propria coscienza inquieta? Di essere preoccupato per il proprio futuro, preoccupato di perdere la stima di un’Italia esterrefatta e stanca?
Che cosa ridicola: tutti chiedono a Berlusconi di dimettersi (ben sapendo che non si dimetterà  mai), incapaci di compiere loro, in prima persona, il grande gesto. Lo dico non soltanto per quel che riguarda le residue persone perbene che ancora si accalcano sotto l’ombrello del premier, ma anche per quella sinistra che a sua volta non sa fare di meglio che invitare Berlusconi, in modo ridicolmente petulante, «a fare un passo indietro»
Ho il torto di pensare che forse un passo indietro dovrebbe farlo l’opposizione, rinunciando a un mandato ormai svuotato di ogni significato democratico. Insomma: non sarebbe meglio per tutti se senatori e deputati anti-maggioranza, se non in massa in numero consistente, presentassero le proprie dimissioni da un Parlamento senza più un’anima, pietrificato dalla propria vergogna, e scendessero in piazza a gridare il proprio «no» a questo regime del malaffare?
Sia chiaro: quando dico scendere in piazza non intendo incitare ad alcuna violenza: sono un democratico e un pacifista convinto. Credo però nella piazza, nella protesta, nella mobilitazione generale, soprattutto quando l’acqua arriva alla gola di un paese, come sta accadendo (o è già  accaduto?) nel nostro caso.
Viva le dimissioni, insomma. Occorre un gesto grave, di questo sono intimamente convinto. Un gesto di alta responsabilità . I piagnistei, onorevole Bersani, pur se fermi e vibranti di indignazione, non servono più a niente.


Related Articles

L’Italia dei furbetti, un Paese che non cresce

  La corruzione in Italia dilaga – Foto: tomshw.it

La recente notizia dei 125 studenti di Harvard che rischiano una sospensione di un anno per aver “copiato” un esame finale da svolgere a casa ha fatto il giro di tutti i giornali italiani. “Un tradimento della fiducia sulla quale si basa il prestigio intellettuale di Harvard” ha tuonato il rettore del celebre ateneo di Cambridge, Drew Faust. Se in Italia la punizione forse non sarebbe stata così pesante, è soprattutto l’idea stessa di esami da svolgere a casa che strapperebbe più di un sorriso a tutti noi: “se hai un esame da fare a casa e non copi sei scemo” sarebbe probabilmente il nostro primo pensiero. Le università  poi, travolte da scandali tra favoritismi, esami comprati e rettori-baroni, hanno poco da spartire con parole quali “fiducia” e “prestigio intellettuale”.

La politica come professione. Onesta

Disincanto, sfiducia nei confronti del mondo della politica (non solo partitica) e disorientamento: sono i sentimenti che coinvolgono una parte significativa degli elettori. La novità  che ci consegnano gli ultimi anni di egemonia berlusconiana, di sgretolamento progressivo della sinistra e di frammentazione dei conflitti e dei movimenti sociali è costituita dall’ampliamento del numero di elettori che è fortemente tentato dall’astensione alle prossime elezioni politiche.

Dall’autostrada ai bus quei favori agli imprenditori che svelano il sistema-Sesto

Così nasce l’intreccio che ha travolto l’ex dirigente Pd.   Il punto chiave della vicenda è nella caparra da due milioni che Di Caterina trattiene da una società  del gruppo Gavio. La tela di rapporti tra Penati e l’imprenditore che ora lo accusa è tale che non si capisce chi è il ragno e chi la preda

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment