Coop sociali, Cnca: “Sciacallaggio contro la parte sana del paese”

MILANO – Welfare in via di estinzione se salta l’alleanza tra pubblico e privato. Parola di Don Armando Zappolini, presidente del Coordinamento nazionale comunità  di accoglienza (Cnca), che attacca: “Il governo dimostra di non riconoscere la funzione pubblica delle cooperative sociali”. L’aiuto dal mondo profit? “Meglio di no, si rischia di collegare i diritti delle persone alla ricerca di reddito. La risposta ai bisogni della società  deve essere pubblica e istituzionale” incalza Zappolini, che coordina 250 associazioni, di cui la maggior parte sono cooperative sociali, impegnate da nord a sud in progetti contro l’emarginazione e il disagio. La soluzione? “Fare rete, soprattutto sul piano dell’informazione -ribatte-: ci stiamo dedicando a campagne culturali per cambiare la mentalità  della gente sulle questioni importanti della vita. Prima non ci abbiamo pensato, spendevamo le energie nei servizi”.

Dietro la stretta economica si nasconde un piano politico preciso. Lo pensa il presidente del Cnca, secondo cui a pagare le conseguenze dei tagli e della manovra bis (che inaugura l’ingresso della tassazione sugli utili delle cooperative sociali) sono soprattutto i deboli: “Al di là  della riduzione del denaro che subiamo, ciò che spaventa è l’accanimento contro persone la cui pelle è già  scoperta”. Come dire: “Dopo il terremoto, si ruba quello che rimane nelle case dei poveri” stigmatizza don Armando Zappolini. Una situazione che va oltre l’appartenenza partitica. “Non si tratta di un problema di destra o di sinistra -sbotta Zappolini-, ma di cattiveria e sciacallaggio nei confronti della parte sana di un Paese che non se lo merita. Basterebbe soltanto dirottare gli investimenti sulle armi verso gli interventi sociali e sicuramente staremmo meglio”. 

Nel bersaglio delle ultime scelte politiche c’è lo stesso sistema di welfare. “Le cooperative sociali -sottolinea Zappolini- sono parte integrante dei servizi pubblici. E in questo periodo soffrono ritardi oltremisura nei pagamenti degli enti pubblici. Un altro svantaggio che attanaglia le cooperative di tipo B sono gli appalti non adeguati alle linee contrattuali. Tutto questo non fa che indebolirle e, insieme a loro, patisce la stessa società  che ne usufruisce”.

Oltre la beffa, l’inganno. “Il governo ha predisposto cure inefficaci al disagio sociale -dichiara Zappolini-. Oltre al carcere, dove raccogliere la feccia della società , i ministri si appellano alla carità  della cittadinanza”. Ma, si sa, il pietismo e il buonismo non costruiscono nulla, al massimo  possono stendere un manto sopra il rosso della vergogna.

Cambiare rotta, allora, è la nuova parola d’ordine per non cadere a terra senza snaturarsi. “Per colmare il supporto sempre più fluttuante da parte degli enti locali, le associazioni all’interno del Cnca si aprono alle fattorie sociali, “una rete di aziende agricole che si dedicano, tra le altre cose, anche al reinserimento lavorativo e all’inclusione” conclude don Armando Zappolini. Per informazioni, http://www.cnca.it/. (Chiara Daina) 

 

© Copyright Redattore Sociale


Related Articles

Mucca pazza, muore una donna è la seconda vittima in Italia

Livorno, primi sintomi nel 2008. Gli allevatori: la carne è sicura.  “Questo caso è solo un’eredità  del lontano passato” dicono alla Coldiretti

Code infinite e viaggi della speranza ma i pazienti promuovono i medici

Confartigianato denuncia: 7 milioni di ore trascorse ogni anno in sala d’attesa Sanità , i malati voltano le spalle agli ospedali del Sud che perde 980 milioni di entrate 

Strage di via D’Amelio Il Pm Nico Gozzo: «Fu come un golpe che spazzò il sistema»

Strage di via D'Amelio Il  Pm  Nico Gozzo: «Fu come un golpe  che spazzò il sistema»

Un centinaio di persone partecipa al corteo organizzato, alla vigilia dell’anniversario della strage di via D’Amelio, dal “Popolo delle Agende Rosse”, il Movimento che fa capo a Salvatore Borsellino, fratello del giudice assassinato insieme alla scorta 18 anni fa. «Siamo prossimi a una svolta nelle indagini – ha detto Salvatore Borsellino – e ora, più che mai, dobbiamo stare attenti che le porte blindate che ancora ci separano dalla verità  non ci vengano chiuse in faccia per l’ennesima volta»

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment