Achtung Euro

Il suo addio, con tre anni di anticipo rispetto alla scadenza naturale, ha dato un affondo alle borse e soprattutto ha tramortito l’euro che è tornato in un sol colpo ai livelli registrati a febbraio nei confronti del dollaro. Gli investitori leggono l’addio di Stark come una grave spaccatura all’interno della Bce: obbligatorio dunque diffidare dei mercati europei e della stabilità  della moneta unica.
Il dibattito irrisolto nelle stanze di Francoforte è il sintomo di una scarsa capacità  di affrontare e di risolvere collegialmente i problemi. Inoltre, l’uscita di scena di Stark potrebbe dare il colpo definitivo ai già  pallidi entusiasmi tedeschi rispetto al progetto euro.

Il cancelliere Angela Merkel auspica una reazione “più dura a livello europeo contro politiche che contraddicono gli impegni presi”, dal momento che “basta l’errore di uno solo per mettere in pericolo tutti”.
La settimana scorsa la Corte costituzionale ha dato ragione al governo di Berlino respingendo tre diversi ricorsi di membri del Bundestag che miravano a far deragliare i tentativi di Merkel di far approvare l’ultimo piano di salvataggio dell’euro, ma allo stesso tempo ha affermato che in futuro il governo non può evitare il passaggio alla commissione bilancio del parlamento.

Il Bundestag voterà  a fine settembre: è una prova fondamentale per il governo tedesco che sulla questione può contare su una maggioranza esigua di diciannove parlamentari. È sempre più radicata la volontà  dei tedeschi di non voler pagare i debiti altrui. L’abbandono di Stark è solo l’ultima espressione di tale dissenso: a febbraio il presidente della Bundesbank Axel Weber, successore predestinato di Trichet alla guida della Bce, aveva lasciato il suo posto in qualità  di delegato all’istituto di Francoforte proprio perché riteneva che l’acquisto di bond da parte della Banca centrale europea avrebbe significato un’intrusione troppo ingombrante nelle politiche economiche dei paesi membri. Jens Weidmann, che è succeduto a Weber, ha votato contro l’acquisto di titoli italiani e spagnoli e anche il presidente della repubblica tedesca Christian Wulff ha espresso i suoi dubbi sull’operazione tanto sotto il profilo della legalità , quanto quello politico.
I tedeschi stanno vagliando con grande attenzione ogni passo da compiere e faranno pesare il loro ruolo di “paese guida” all’interno dell’Europa. È passato troppo poco tempo da quando, poco più di dieci anni fa, prima di accettare la moneta unica e rinunciare al solidissimo marco, la Germania pose la regola fondamentale “vietato finanziare gli stati”, poiché temeva di dover pagare il debito di altri stati. Lo hanno fatto e continuano a farlo per la Riunificazione tedesca; non lo faranno (più) per l’Italia, la Grecia e la Spagna.


Related Articles

Romney tenta il blitz, Obama «allunga»

La sfida negli Stati chiave

NEW YORK — Fin qui ignorata dai repubblicani che la consideravano uno Stato troppo difficile da strappare ad Obama, la Pennsylvania è tornata improvvisamente nella mappa di Mitt Romney che ha deciso di investire massicciamente su questo Stato con una grandinata di spot concentrati negli ultimi tre giorni della campagna.

Obama: un patto con l’Europa

L’intervista  “Con gli europei più uniti che mai, guardiamo insieme verso l’Asia”    Oggi l’arrivo a Lisbona per il vertice della Nato, tra i temi sul tappeto la strategia in Afghanistan e le paure dei mercati

Minaccia dell’Iran o all’Iran?

Dopo l’analisi a tutto campo di Noam Chomsky (sul manifesto di domenica 18 marzo), vale la pena ritornare sulla domanda che molti si pongono: ma la minaccia nucleare dell’Iran è reale?

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment