Strappo Cgil: sciopero generale

Una presa di posizione che il ministro del Lavoro, Maurizio Sacconi, considera « ingiustificabile » e che il presidente della Fiat John Elkann critica apertamente: « Non credo che ci dobbiamo unire a loro — ha detto a margine del meeting di Rimini —. Credo che questo sia un momento in cui dobbiamo essere tutti uniti per risolvere seriamente quello che c’è da risolvere » .
 La linea della Fiom e della sinistra del sindacato, che incalzavano Susanna Camusso sulla data dello sciopero, è stata sposata alla fine anche dalla componente riformista, che propendeva inizialmente per una convergenza sulla mobilitazione con Cisl e Uil. Ora lo sciopero ripropone la spaccatura, ricucita a fatica nei mesi scorsi dalla segretaria Cgil.
Su questo calca i toni il leader della Cisl, Raffaele Bonanni, che parla di « situazione stucchevole » . « A che serve — aggiunge — questo sciopero generale, che non è generale perché non vi partecipano tutti ma di una parzialità  che è sempre più parzialità ? » . « Le buste paga dei lavoratori — dice, spiegando il perché del « no » allo sciopero — sono già  abbastanza ridotte e anche le aziende sono in difficoltà  » . Anche il leader della Uil, Luigi Angeletti, lo definisce « l’ennesimo sciopero generale in solitaria: non produrrà  alcun effetto se non di far perdere un po’ di soldi ai lavoratori » . Ementre i due sindacatimoderati annunciano, insieme, un presidio davanti al Senato per il 1 ° settembre, la Cgil ha scelto nuovamente lo sciopero, tra l’altro in una giornata atipica, il martedì. L’intenzione è farlo coincidere con l’iter al Senato della legge di conversione, prima che il testo venga approvato e inviato blindato alla Camera.
 « Era necessaria un’accelerazione— fa notare la Cgil— per cui la decisione, che non ha visto posizioni contrarie, è stata anticipata » sulla base del mandato ricevuto dall’ultimo Direttivo, senza passare dalla ratifica del parlamentino del sindacato. E così la riunione, che era stata anticipata a fine mese, si terrà  come previsto il 9- 10 settembre. Nessun pollice verso alla proposta della Camusso, ieri, al termine dell’analisi del segretario che ha dato indicazione di andare allo sciopero per « ottenere dei cambiamenti » : quelli indicati in una contromanovra, a saldi invariati, elaborata dall’ufficio studi, che verrà  illustrata oggi davanti a Palazzo Madama. E anche se nei giorni scorsi era circolata l’ipotesi alternativa di una manifestazione nazionale a Roma, di sabato, « il giudizio sulla manovra è condiviso da tutti i segretari — spiega un dirigente — e nessuno ha proposto strade alternative » . L’astensione è stata indetta in concomitanza con la mobilitazione già  annunciata dai metalmeccanici per il 5 e 6. Il segretario Maurizio Landini plaude alla scelta: « È la risposta giusta e rapida per agire mentre il Parlamento sta discutendo la manovra, perché l’obiettivo è cambiarla » .
 Ritiene lo sciopero « solo l’inizio di una mobilitazione straordinaria che deve andare avanti » . 6 settembre Alla notizia della decisione Maurizio Sacconi allarga le braccia entrando in commissione Lavoro al Senato per la manovra: « Ma va? È una novità ! » . « Credo— spiega— che lo strumento dello sciopero, assolutamente legittimo e rispettabile, sia in questo contesto in contraddizione con l’esigenza di sostenere la crescita e l’occupazione » . Di « irresponsabilità  » , parla nel Pdl Fabrizio Cicchitto. Mentre Antonio Di Pietro difende la scelta: « Nello scontro tra l’agnello e il lupo, non possiamo che essere dalla parte dell’agnello » .


Related Articles

FoxConn, una volpe a guardia del pollaio

Denuncia da Hong Kong: straordinari «estremi», salari da fame, furto di salario e una «gestione militare» della forza lavoro Subito la Fla ha puntato a coinvolgere azionisti delle multinazionali, di fatto per farli «indagare» su se stessi

Apprendistato e collocamento quelle riforme senza lavoro

Così l’eccesso di norme, la burocrazia e le tasse hanno vanificato le politiche degli ultimi anni Si sa, di buoni propositi è lastricata la via dell’inferno. E sicuramente ottime erano le intenzioni del governo Monti e del ministro del Lavoro, Elsa Fornero, nel Consiglio dei ministri del 23 marzo 2012.

Citigroup, affare d’oro per il Tesoro Usa

Esce dalla banca e fa 12 miliardi di profitti. Un successo dietro l’altro dai salvataggi.  Il governo americano ha trovato l’accordo per cedere la quota restante

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment