Riscattiamoci

Non solo non c’è la patrimoniale, ma si toglie anche quella modesta misura di prelievo fiscale su una parte dei redditi più alti. Berlusconi è più che contento, anche questa volta, di non aver «messo le mani nelle tasche degli italiani» più ricchi e facoltosi e in quelle degli evasori, mentre sicuramente le ha messe nelle tasche dei pensionati e dei cittadini che dovranno subire le conseguenze (meno servizi sociali o maggiori tariffe) dei tagli agli enti locali. Tutto il resto (abolizione delle province, riduzione del 50% dei parlamentari, misure antievasione) è un insieme di misure propagandistiche solo annunciate e che non verranno mai approvate. Tra l’altro la manovra ha un impatto recessivo e depressivo ed è un brutto compromesso di misure tra loro contraddittorie, tenute insieme solo dalla necessità  di evitare la crisi di governo. CONTINUA|PAGINA2 È una manovra antisociale e “di classe” che deve essere valutata insieme a quelle precedenti. Il quadro che ne esce è devastante: tre anni di (16) interventi (per oltre 200 miliardi di euro) di corrrezione dei conti pubblici e di fantomatico rilancio dell’economia che hanno ridotto i diritti delle persone, distrutto il welfare, aggravato il debito pubblico, accentuato la perdita di posti di lavoro, spento le speranze di rilancio della produzione e della domanda interna. I tre anni di politiche economiche di questo governo hanno favorito i privilegiati e le grandi ricchezze a detrimento del resto del paese.
Eppure, come ha ricordato Sbilanciamoci nella sua contromanovra, le alternative ci sono. Ad esempio: colpire i patrimoni e (veramente) le rendite, ridurre le spese militari, cancellare le grandi opere, recuperando in questo modo le risorse necessarie per salvare i redditi, salvaguardare i servizi sociali, promuovere un piano di piccole opere e la green economy e – naturalmente – ridurre il debito.
Di queste proposte – e di quelle volte a fronteggiare la drammatica condizione giovanile e quella del Mezzogiorno- se ne parlerà  da domani fino al 3 settembre nella IX edizione della controcernobbio che quest’anno si tiene a Lamezia Terme (per info: www.sbilanciamoci.org). Si tratta di costruire – e di questo parleremo a Lamezia – un campo di forze (sindacato, società  civile, movimenti, mondo della cultura, ecc.) capaci di combinare la resistenza a questa sistematica opera di devastazione sociale con una proposta di alternativa economica, già  ampiamente delineata, che ci faccia uscire non solo dal tunnel della crisi, ma da un modello di sviluppo neoliberista da tempo giunto al capolinea.


Related Articles

È finita la recessione record ma da quindici mesi la ripresa Usa gira a vuoto

Da giugno 2009 bruciati 329 mila posti di lavoro  I mercati. La dichiarazione di fine crisi è arrivata con le dimissioni degli economisti della Casa Bianca Il Tarp, il piano salva banche da 700 miliardi ha esaurito la sua funzione e chiude. La Federal Reserve si muove pompando liquidità  ma le imprese non la utilizzano

 

Moody’s prende tempo sull’Italia

La decisione sul rating rinviata a ottobre. Napolitano: rimuovere il macigno del debito.  Il presidente è in allarme per le nuove tensioni tra la Lega e il premier Berlusconi 

I disoccupati aumentano e Hollande ora fa il «liberista»

? Il presidente francese, Francois Hollande

Francia. Meno tasse alle imprese e contatti con Hartz, ideatore dei mini-jobs tedeschi

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment