Nel Pdl rispunta il condono “tombale”

ROMA – «L’ultimo. Tombale. E poi introdurre il reato di evasione». Giuseppe Centrella, segretario dell’Ugl, rilancia le parole magiche: condono fiscale. Non è il solo e nelle ultime, febbrili, ore per cambiare la manovra a saldi invariati la formula spunta di prepotenza sul tavolo di Alfano, segretario del Pdl, e di Alberto Giorgetti, sottosegretario all’Economia.
Il primo condono tombale, varato dal governo Berlusconi nel 2002, portò nelle casse dello Stato 20,8 miliardi (sui 25 previsti), preceduto e seguito negli anni da tre scudi per i capitali. Un buon auspicio per il secondo, che potrebbe arrivare ora. C’è tempo fino a lunedì 29 agosto alle ore 20, per depositare gli emendamenti. Il tempo stringe.
Una proposta in realtà  già  esiste. Riguarda 4 anni fiscali, dal 2006 al 2009, ed è a firma dei deputati Pdl Antonio Mazzocchi, questore della Camera, e Amedeo Laboccetta, membro della commissione Bilancio. «In Italia ci sono due milioni tra commercianti, artigiani e professionisti che si trovano in contenzioso col fisco o in posizione di evasione parziale o totale», e dunque da invogliare. «Il condono tombale porterà  oltre 35 miliardi», è la stima. «Da utilizzare per le famiglie numerose, per alleggerire il contributo di solidarietà  e combattere l’evasione», dicono. E poi, dopo, inasprire le pene: «Abbassiamo la soglia a 50 dai 100 mila euro per la dichiarazione di redditi o Iva infedele. E a 20 dai 77 mila se omessa. Poi alziamo il carcere da 2 a 5 anni. Oggi è da 1 a 3», suggeriscono. «Chi aderisce al condono tombale inibisce l’esercizio dell’azione accertatrice e dell’eventuale azione penale quando i tributi evasi superano la soglia di rilevanza penale, oggi fissata a 103 mila euro o 77 mila», a seconda dei casi, è il regalo. Renata Polverini, governatore della regione Lazio, si spinge anche oltre nelle stime, proponendo «un ultimo, definitivo, condono fiscale dal quale reperire non meno di 50 miliardi».
Al di là  degli incassi ipotizzati, la misura non è peregrina. Un piccolo condono, quello sui contenziosi, è inserito nella manovra di luglio. Funziona così: il contribuente che ha vinto in uno dei gradi di giudizio con il fisco, può chiudere la lite versando il 10% dell’imposta evasa. Se non ha vinto, il 50%. Se la pronuncia del giudice deve arrivare, il 30%. Unico limite: un debito fiscale non superiore ai 20 mila euro. Questa soglia – un’ipotesi rispolverata ora – potrebbe scomparire e le due percentuali maggiori dimagrire.
 


Related Articles

Così rinasce “Ora”, il futuro è cooperativo

Uno storico marchio degli arredi ufficio arriva sull’orlo del fallimento. I lavoratori non si arrendono e assistiti da Legacoop rilevano l’impresa

La lira nel ’92, il rublo, Lehman agosto il mese caldo della Finanza

Da quarant’anni, la storia economica riserva grandi sorprese nel cuore dell’estate.  Nel 1971, il presidente Nixon manda in pensione il sistema dei cambi fissi. A inizio luglio, Amato vara la sua patrimoniale sulle case e sui conti, ma pochi giorni dopo… 

Niente austerity per i banchieri

 Stock option, gratifiche e premi fedeltà : i big della finanza continuano ad accumulare stipendi a sei zeri anche quando chiudono i bilanci in rosso. Un’ingiustizia che la rabbia degli indignados e le cure shock imposte in tutto il mondo per far fronte alla crisi non sono riuscite a cancellare. E che esaspera le diseguaglianzeI tagli non valgono per chi sta in cima alla piramide. E spesso il regime fiscale sui capital gain aumenta le iniquità Spunta anche la prima class action: 104 top manager hanno fatto causa a una banca per difendere i propri privilegi

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment