Italia, servono miliardi? Risparmiamo sugli armamenti

Ne ricordiamo, come facciamo da tempo, una che basterebbe da sola: annullare il programma pluriennale di spesa militare da 16 miliardi di euro per l’acquisizione di centotrentuno cacciabombardieri F-35.

Aerei da attacco ‘stealth’ (invisibili ai radar) di ultimissima generazione, giudicati uno sfizio tecnologico strategicamente inutile da molti esperti militari. Non certo dalle aziende cui il folle progetto garantisce succulente commesse: Alenia aeronautica, Datamat, Galileo Avionica, Selex Communication, Sirio Panel, Oto Melara (tutte di Finmeccanica), Gemelli, Logic, Mecaer, Moog, Oma, Avio, Piaggio, Aerea, Secondo Mona, Sicamb, S3Log.

I critici potrebbero obiettare che l’annullamento del programma renderebbe subito disponibili ‘solo’ 3,6 miliardi di euro (lo stanziamento previsto da qui al 2013), non tutti e 16. Vero. Ma quello che qui ci interessa sottolineare è l’aspetto simbolico di quella cifra enorme, di fatto già  data per spesa, e la concreta possibilità  di operare scelte diverse: profondamente politiche, non meramente contabili.

Altri dolorosi tagli alle spese sociali potrebbero essere evitati anche scegliendo di bloccare le spese – già  previste per il 2011 – per l’acquisto di centosedici elicotteri da assalto Nh-90 (310 milioni), di due nuovi sommergibili U-212 (164 milioni) e di sedici elicotteri da trasporto truppe Ch-47 (137 milioni) e di porre fine alle missioni di guerra in Afghanistan (800 milioni all’anno) e in Libia (centinaia di milioni in pochi mesi).

 


Related Articles

Netanyahu-Obama prove di disgelo Israele chiede più aiuti militari

Primo incontro dopo 13 mesi Il sostegno dovrebbe passare da 3 a 5 miliardi di dollari annui

Il governo chiamato al sì definitivo all’acquisto dei Caccia F35

Rilanciata ieri la campagna per lo stop al programma di acquisto degli aerei da guerra a lungo raggio, con iniziative di base, cartoline e una nuova mozione parlamentare

Cina. La nuova marcia dell’esercito rosso

Nessuna super-potenza ha incrementato il budget militare quanto Pechino Una corsa al riarmo senza precedenti. E in cinque anni l’export bellico cinese ha superato quello di Germania e Francia fermandosi dietro solo a Usa e Russia

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment