Parlamento, domani il primo round sui tagli

ROMA – SpiderTruman – nickname dell’indignato precario-ex lavoratore di Montecitorio, che ha svelato i segreti della casta su Facebook (e ha subito attivato un blog e Twitter per timore che lo oscurassero) – ha sfondato in poche ore il tetto di centomila adesioni. Ma soprattutto ha risvegliato gli “indignados” italiani, che ora pensano di scendere in piazza con presidi e mobilitazioni no-stop. Ieri sera su skype si è dato appuntamento il Popolo Viola per decidere manifestazioni e flash-mob. La rabbia anti-casta monta. Non si possono chiedere nella manovra economica sacrifici pesanti ai cittadini, colpendo le famiglie e i ceti medi e bassi, senza tagliare i privilegi dei parlamentari e i costi della politica. Formigoni, il governatore della Lombardia che da una località  turistica, con tanto di yacht sullo sfondo, parla al Tg3 della necessità  di tagli agli sprechi, suscita sul web un’altra ondata di proteste.
Il Parlamento corre ai ripari: già  domani una riunione dei questori di Camera e Senato dovrebbe fare alcune contromosse. Gianfranco Fini, il presidente della Camera, è chiamato a rispondere: gli sprechi denunciati online riguardano Montecitorio, dai costi per gli affitti, agli sconti-auto ai barbieri profumatamente pagati. Fini assicura tempi rapidi: prima della pausa estiva i tagli saranno fatti, e occorre fare di tutto per convincere gli italiani che le Camere «non sono il luogo dove una casta privilegiata si chiude a difesa dei suoi interessi». Ma ammette che non è detto ci sia la volontà  politica di fare tagli veri. Gabriele Albonetti, questore della Camera, precisa che le assicurazioni per i furti (tra gli sprechi indicati da SpiderTruman) sono state eliminate da tempo, però bisogna cambiare, nel senso della sobrietà . Va all’attacco Antonio di Pietro, il leader di Idv, annunciando una legge di iniziativa popolare per eliminare Province e enti inutili. E invita sul suo blog a scendere in piazza, a fine settembre: «Se la casta continuerà  a difendere i suoi privilegi ci sarà  una ribellione sociale di enormi proporzioni». Nel Pd, Debora Serracchiani, eurodeputata e segretario del Friuli dice: «Se non daremo risposte in tempi brevissimi ai cittadini, ci verranno a cercare con i forconi». David Sassoli, capogruppo democratico a Strasburgo, invita a evitare la demagogia ma a dare l’esempio.
Arrivano proteste e proposte: i giovani dirigenti pubblici si schierano contro la casta e illustrano un pacchetto di proposte per abbattere gli sprechi. Il deputato pd, Dario Ginefra chiede trasparenza e ricorda che il “tiro al parlamentare” è tanto più facile quanto più l’elettore è espropriato della scelta.
Non mancano i paradossi. Come quello del presidente della Provincia di Varese, il leghista Dario Galli che vedrebbe bene gli accorpamenti delle Province e il taglio di alcune Regioni come Molise e Umbria. Risposta immediata di Catiuscia Marini, governatore dell’Umbria: «Le nebbie della Val Padania devono avere offuscato la mente di Galli con affermazioni che trovo bizzarre se non offensive».


Related Articles

Imbarazzo 5 Stelle, ma Grillo non ci sta: basta, quelle note le usava anche Hitler

Grillo: «Io e Nigel siamo stati vittime di una campagna di stampa vergognosa… Lui veniva dipinto come un omofobo, un razzista, uno che ha giri strani. E io ancora peggio, come Hitler, Stalin. Siamo sopravvissuti… La Ue è fallita perché si sono tutti coalizzati contro di noi».

Un regno che affonda in un mare di scandali

LA FINE d’un regno ha sempre un andamento drammatico e talvolta addirittura tragico. Pensate a Macbeth e a Lear ma anche a Hitler e a Mussolini, dove la realtà  sembra imitare i vertici della letteratura.

I NEMICI DELL’ANTICORRUZIONE

    Alla domanda su quale sia la prima qualità  di cui necessita oggi chi aspira a governare in Italia, Bersani ha risposto in una recente intervista che è l’onestà . La risposta è pertinente e giusta, ma il messaggio che comunica è bruttissimo, poiché mette in piena luce come la crisi della Seconda repubblica si consumi nel quadro di una drammatica condizione dell’etica pubblica provocata dalla corruzione: eretta a sistema, penetrata massicciamente nel corpo del paese, invadendo insieme, con intrecci perversi, società  politica e società  civile.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment