La peste della spesa sanitaria

A prima vista è un obiettivo meritorio – a guardare meglio però dovrebbe sollevare qualche problema su come sono decise le priorità  (e come sono spesi i soldi) della salute pubblica.
L’afta epizootica è sicuramente una piaga mondiale. E’ altamente contagiosa, colpisce numerose specie, e può causare vere e proprie stragi tra gli animali d’allevamento, a cominciare dai bovini, con gravi conseguenze sia sul «benessere animale», sia sul commercio internazionale di bestie, carne e altri prodotti animali. «L’afta epizootica è di gran lunga la più importante malattia socio-economica del bestiame domestico al mondo. … Può causare contrazioni drastiche della produttività  dell’allevamento su scala globale», dichiara a Irin il professore di medicina veterinaria George Sapertstein, della Turf University. «Ci sono ancora oltre 100 paesi che ne soffrono, in maniera episodica o endemica», fa eco il direttore generale della Oie, Kazuaki Miyagishima. Le due organizzazioni dell’Onu dunque preparano per quest’estate una conferenza di «donatori internazionali», a cui chiederanno di impegnare fondi per questa nuova campagna di salute pubblica – la ricerca, i vaccini, gli interventi sul campo.
Ma è proprio necessario lanciarsi in obiettivi di «eradicazione»? Tra gli esperti di economia rurale, medicina veterinaria ed epidemiologia circolano però parecchi dubbi. Tanto per cominciare esistono numerosi ceppi di afta epizooticaa, dunque non esiste un unico vaccino che protegga gli animali da tutte. Anche i vaccini esistenti vanno conservati al fresco; somministrarli in modo sistematico agli animali, in allevamento o bradi, nelle condizioni più diverse e remote, è un’impresa complicata. Inoltre la vaccinazione va ripetuta spesso, perché la protezione non dura molto. 
Per «eradicare» la peste bovina «ci sono voluti 50 anni, centinaia di milioni di dollari e uno sforzo globale, e in fondo era una malattia relativamente semplice», dichiara a Irin Andy Catley, epidemiologo e veterinario dell’InterAfrican Bureau for animal research (ufficio interafricano per la ricerca animale). Certo, «la parola eradicazione è più facile da capire per i governi», e poi l’afta epitootica è un problema economico che colpisce i paesi ricchi, che così sono più invogliati a contribuire. Ma invece di lanciare obiettivi irrealistico, sostiene Catley, meglio investire energie e fondi per mettere insieme medici, epidemiologi, esperti di economia rurale per vedere come come controllare la malattia con il coinvolgimento delle comunità , facendo appello agli allevatori e i loro saperi («ma certo, parlare di saperi tradizionali e comunità  locali è troppo complicato e poco appealing da spiegare ai donatori»). 
Alcuni esperti fanno notare che la Ppr, Peste des petits ruminants – malattia acuta e molto contagiosa che colpisce soprattutto pecore e capre e si sta diffondendo in Africa – ha già  un vaccino efficace. Pecore e capre però sono roba di piccoli allevatori, sono importanti nelle economie locali ma meno sul mercato globale. Così la Ppr può mandare in rovina milioni di pastori e allevatori africani – ma non vedremno una campagna mondiale per «eradicarla».


Related Articles

Bisonti scatenati

Monti pretende legalità  e assicura l’Ue che verrà  tutelata la circolazione delle merci. La Fiat blocca la produzione. Commercianti, consumatori e agricoltori sono in allarme Ad Asti un manifestante muore investito da un auto-articolato tedesco. Arrestata la conducente. I «blocchi selvaggi» si stanno sciogliendo ma la protesta continua. Il governo allerta i prefetti. A Roma scatta l’ordinanza anti-presìdi

Fassino vuole cederli E trecento insegnanti rischiano il posto

Asili, precari e bambini. La barca è la stessa. Un bene comune, un fiore all’occhiello di Torino. Vacilla e non poco, anche per l’irresponsabilità  nella gestione del servizio educativo nei nidi e nelle scuole dell’Infanzia del comune che in questi anni ha mantenuto il 30% del personale precario.

La riscossa dei Btp people in tre giorni piazzati 5,7 miliardi

Il 27,4% degli ordini riguarda titoli per un valore compreso tra i mille e i 10 mila euro Superate tutte le più rosee previsioni nel collocamento, un risultato che conferma il ritorno della fiducia 

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment