La nuova Costituzione islandese? Si scrive via Facebook e Twitter

In un Paese dove due terzi dei 320 mila abitanti hanno un profilo su Facebook il salto nell’agorà  virtuale è stato naturale. Pareri e suggerimenti hanno inondato pagine e canali aperti sui diversi social network. Respinti solo i contributi anonimi. «I cittadini hanno molto arricchito il dibattito— spiega l’economista Thorvaldur Gylfason, tra i 25 membri del Consiglio —. I loro commenti sono stati utili e hanno sortito un effetto positivo sull’intero processo. I tempi sono cambiati da quando le assemblee costituenti preferivano isolarsi dal mondo. Gli islandesi vedono la Costituzione nascere sotto i loro occhi» . La modifica della Carta è un tema della politica nazionale da quando, nel 1944, la piccola isola di ghiaccio e lava ottenne l’indipendenza dalla Danimarca mantenendo la vecchia Costituzione sostanzialmente inalterata. L’idea di riscrivere il testo in quella forma estrema di esternalizzazione che è il «crowdsourcing» è nata dopo il forum sulla nuova Carta del 2010 al quale sono stati invitati 950 cittadini scelti a caso: un processo frutto del desiderio di palingenesi seguito alla Grande Crisi che nel 2008 portò al crollo delle maggiori banche del Paese, della valuta e del governo (giovedì scorso l’Islanda è tornata sul mercato dei capitali con la prima emissione di bond). Proprio venerdì le autorità  di controllo europee hanno minacciato il governo di Reykjavà­k di portarlo davanti alla loro Corte se entro tre mesi non rimborserà  3,9 miliardi di euro ai risparmiatori britannici e olandesi coinvolti nel collasso della banca online Icesave— due referendum avevano detto no al ripianamento del debito accumulato con Londra e L’Aja. Dal 2009 l’esecutivo è guidato da una donna, socialdemocratica e gay dichiarata, decisa a restituire slancio e fiducia alla democrazia islandese, Jà³hanna Sigurà°ardà³ttir. «Mi è sempre stato chiaro che una revisione profonda della Costituzione non potesse compiersi che con la diretta partecipazione del popolo» ha dichiarato la premier— ne sarebbero state orgogliose le donne escluse dall’Assemblea nei primi esperimenti di democrazia diretta dell’antica Atene. I padri costituenti hanno inserito tra le loro priorità  l’elaborazione di un sistema che consenta di controllare l’operato delle istituzioni ed evitare il ripetersi della crisi. La nuova Carta, che trasforma anche le procedure di elezione dei parlamentari e di nomina dei giudici, dovrebbe essere pronta entro luglio, ferma restando la possibilità  di prorogare la chiusura dei lavori di un mese. A quel punto il testo potrà  essere sottoposto a referendum confermativo anche senza correzioni del Parlamento. «Declare Independence» cantava l’islandese Bjà¶rk nel 2008, «fabbrica la tua bandiera e alzala sempre più in alto» . «Cari islandesi, i vostri colori sventolano sulla mia casa» scriveva ieri con lo stesso spirito rivoluzionario Chris dagli Usa nella pagina Facebook del Consiglio costituzionale di Reykjavà­k, oltre duemila fan, pareri entusiasti da tutto il mondo, un coro unanime: ora tocca a noi.


Related Articles

Eri­trea. Lo Stato prigione

Inchiesta. Almeno diecimila prigionieri politici. Leva obbligatoria fino a 50 anni per gli uomini e 40 per le donne. Obbligo di versare una percentuale dei guadagni per chi fugge all’estero. Pena: ritorsioni contro le famiglie. E’ l’Eritrea di Isaias Afewerki

Giulio tradito dai suoi report sui gruppi di opposizione “Intercettati dagli apparati”

L’inchiesta. La nuova pista sul movente punta sugli ultimi studi. “Gli uomini della sicurezza ossessionati da quello che circola negli atenei”

“Il giorno che inventammo lo scontro di civiltà”

Nel 1993 usciva su “Foreign Affairs” il controverso saggio dello studioso americano. Oggi il suo migliore allievo lo ricorda: “Era un preveggente, ma ha commesso degli errori”

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment