Voltare pagina

Un clima di sospetto, una cappa di minacce in cui sono cresciuti, da cui sono stati permeati e assillati: questi giovani non hanno conosciuto altro. Speriamo che la loro festa esprima il desiderio di voltare pagina rispetto al maccartismo strisciante, al golpe quotidiano, alle grandi e piccole Guantà¡namo; coi soldatini di piombo i loro nonni giocavano a indiani e cowboy: loro ai videogames hanno giocato a marines contro bin Laden. Speriamo cioè che l’ufficiale uscita di scena del fondatore di al Qaeda segni il definitivo tramonto di quell’aberrante categoria che è «la guerra al terrore» (è mai pensabile una «guerra al panico»?) e non abbia il sapore al fiele di una vendetta: come scrisse Hegel, la vendetta può essere giusta,ma non èmai giustizia, contrariamente a quel che ha detto a caldo il presidente Usa. Speriamo perciò che la morte di Osama sia considerata da Obama una ragion sufficiente per chiuderla con la guerra afghana (sarebbe fondamentale per la sua presidenza, e per la sua rielezione). In questo, paradossalmente, le speranze Usa andrebbero a braccetto con quelle dei Fratelli musulmani e di tanti islamici che oggi dicono: Osama è morto, quale ragione avete di restare a Kabul? Ricordate come all’inizio l’amministrazione Bush chiamò l’invasione dell’Afghanistan: «Infinita Giustizia». Speriamo soprattutto che le nostre speranze non siano ingenue e non si rivelino illusioni. Già  i dietrologi di tutto il mondo frugano indefessi sotto le notizie. Per la foto taroccata diffusa nelle prime ore, per l’inesplicabile assenza di un operatore al seguito nell’azione ad Abottabad (al contrario di quel che avvenne con Saddam Hussein), per l’ancor piùmisteriosa eliminazione di ogni traccia, con la salma affondata in fretta e furia negli insondabili abissi oceanici. Per l’asimmetria tra la grandiosa scenografia dello schiantarsi delle Torri gemelle e invece l’epilogo furtivo, spoglio di immagini, a rendere bin Laden elusivo damorto quanto lo fu in vita. Ai bravissimi sceneggiatori della politica Usa verrebbe da chiedere perché per il finale abbiano scelto una sequenza così immateriale. Una speranza deve averla nutrita anche Barack Obama quando venerdì scorso ha dato il via all’operazione, dopo che da mesi era stato individuato il rifugio di bin Laden in una città -guarnigione dell’esercito pakistano. La speranza è di essere infine preso sul serio come «comandante in capo» dopo essere stato sfottuto persino da Hillary Clinton. E soprattutto di riuscire ora a convincere i propri generali a iniziare il ritiro dall’Afghanistan e da quelle grotte di Tora Tora in cui nove anni fa nacque il mito dell’imprendibilità  di chi ora giace in fondo agli abissi marini.


Related Articles

Scoperte in Iraq 202 fosse comuni con migliaia di uccisi dall’Isis

L’Onu ipotizza 12mila morti nell’ovest e il centro del paese: «A loro va dato un nome, alle famiglie verità e giustizia»

Armi francesi agli insorti E la risoluzione Onu?

LIBIA Il Cnt: pronti ad «assassinare Gheddafi»

Guerra in Libia, è tregua nella capitale per la festa del sacrificio

Stop a combattimenti e raid per tre giorni tra il generale Haftar e il premier Serraj.Molte resistenze tra i pasdaran delle due parti: a Bengasi attentato alla missione Onu in cui muoiono due funzionari, uno straniero

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment