Una colomba della pace in volo verso Gaza

ROMA – Circa diecimila persone hanno sfilato ieri a Roma dietro la bandiera della Freedom Flotilla – una colomba della pace protesa sull’oceano, disegnata da Vauro – e nel nome di Vittorio Arrigoni, l’attivista ucciso a Gaza dopo il sequestro lampo compiuto da un gruppo «salafita»: «con Vittorio nel cuore», recitava il primo striscione. Una manifestazione indetta per sostenere il gruppo di navi solidali che salperà  alla volta di Gaza a fine giugno: nel nome di Vik e anche di Stefano Chiarini, giornalista de il manifesto prematuramente scomparso a cui è dedicata una nave. 

In piazza, molte le associazioni umanitarie come Gazzella onlus che si occupa di adozioni a distanza. Tanti i simboli dei gruppi, dei partiti e dei movimenti (da Rifondazione comunista, al Partito dei lavoratori, a quello dei Carc). Qua e là  gruppetti di giovani reggono un volantino con un indirizzo Facebook: «Il nostro gruppo – dice Monia -, si chiama Gaza voice ed è nato dopo l’assassinio di Vik, che conoscevamo, per sostenere la Flotilla a cui lui avrebbe dovuto partecipare». Da Pesaro, Aurora e Vincenzo, del Prc, hanno fondato su Facebook il gruppo We are all on the Freedom Flotilla. Stella regge la bandiera del May day – sfondo giallo con una miriade di pesciolini neri – «i movimenti – afferma – sono come tanti piccoli pesci contro un nemico agguerrito, che però si muovono insieme in una successione di piccole conquiste quotidiane. Come i pescatori palestinesi». 
Sfilano tutte le organizzazioni palestinesi, che interverranno sul palco a Piazza Navona, a conclusione della manifestazione. Ci sono anche i Comitati refererendari per l’acqua bene comune e contro il nucleare. Sfilano gli Ebrei contro l’occupazione, che durante il corteo sono stati aggrediti verbalmente da un anziano israeliano (ma la situazione è rimasta sotto controllo grazie all’efficienza del servizio d’ordine). Manifestano anche gli Statunitensi per la pace e la giustizia: «Siamo qui – dice Patrick – per protestare contro lo strapotere di uno stato che da sessant’anni si permette di tutto e contro l’inerzia delle potenze internazionali. Contro l’imperialismo europeo che in Libia ha rialzato la testa. Dalla prima guerra contro l’Iraq noi manifestiamo negli Usa. Siamo migliaia ma i giornali non ne parlano». 
Vicino alla bandiera dei Carc, c’è il senegalese Madiaw, uno di quelli che dai primi di maggio occupano il Duomo di Massa «Sono venuto – dice – per portare la solidarietà  di tutti noi, 311 truffati dalle leggi del governo e colpiti dal reato di clandestinità , ai fratelli palestinesi». Solidarietà  contro l’apartheid e l’assedio di Gaza : «Dai paesi arabi all’America latina, la resistenza dei popoli indica che l’umanità  si trova al bivio tra socialismo e barbarie – dice Andrea – anche per questo sabato prossimo saremo a Massa per sostenere la manifestazione dei migranti. 
Delle rivolte nel mondo arabo parla anche Mamon, giovanissimo palestinese originario di Bisan: una città  occupata dal ’48 che non ha mai visto perché è nato profugo in Giordania: «Domani (oggi, ndr) è il giorno della Nahba – dice -, la catastrofe del ’48 che ha scacciato i palestinesi dalle loro case. Mio nonno e mio padre hanno conservato la mappa delle loro terre e la chiave di casa. Dal confine giordano, io guardo la mia casa. Ci vorrà  tempo, ma un giorno ritorneremo. I giovani arabi hanno dato l’avvio a un periodo bellissimo. Nel giorno della Nahba, in Giordania 40.000 persone manifesteranno al confine». 
Il governo Berlusconi – afferma Sergio Cararo del Forum Palestina – ha sostenuto «che la Flotilla non lavora per la pace e ha nuovamente ricordato che Israele è l’unico paese mediorientale amico dell’Occidente. Nel mese di giugno si terrà  a Roma un vertice intergovernativo tra il governo italiano e quello israeliano. Nello stesso periodo, dal 12 al 23, l’ambasciata israeliana porterà  a Milano un mega progetto dal titolo Israele che non ti aspetti. Noi saremo lì a protestare contro l’occupazione del Duomo di Milano. E per questo, a Milano abbiamo indetto per il 28 maggio un’assemblea nazionale e altre iniziative contro l’apparato israeliano, che teme la solidarietà  internazionale, obiettivo principale della Flotilla».


Related Articles

L’età  adulta dei paesi emergenti

La Cina rallenta la sua crescita, si scopre vulnerabile alla recessione europea e s’interroga su come aiutare l’eurozona. India e Brasile perdono colpi e hanno la tentazione di rilanciare la crescita attraverso il protezionismo. I Brics (Brasile Russia India Cina Sudafrica) sono a un appuntamento storico, il vertice annuo che li riunisce oggi a New Delhi deve decidere se sono pronti ad assumersi un ruolo da leader nell’economia globale.

Cuba salta il fosso

Stesso stato, più mercato: da quando il governo ha aperto ai privati 178 attività , sono 310mila i cubani che stanno investendo su se stessi. Cifre di una riforma che cambia il paese a ritmi occidentali, ma con fantasia caraibica

 

L’altra faccia della rivoluzione tornano in scena i partiti islamici

Al Cairo cresce il peso dei Fratelli Musulmani. Al Cairo cresce il peso dei Fratelli Musulmani.   Finora sono stati esclusi dalla vita politica e costretti ad agire sul terreno del welfare

 

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment