Stop alle armi e beni congelati in vigore le sanzioni Ue contro la Siria

Il Consiglio ha «imposto un embargo contro le esportazioni di armi e di materiale che possa essere impiegato nella repressione contro la popolazione», informa il comunicato. Vengono inoltre congelati i beni dei 13 personaggi siriani, i cui nomi fino a ieri sera non erano ancora stati rivelati. A quelle stesse persone viene interdetto il visto d’ingresso nell’Unione europea. Le misure scattano oggi stesso.
Gli ambasciatori dei 27 Paesi membri della Ue, venerdì avevano concordato le sanzioni mirate per colpire «la più alta leadership siriana». Si erano tuttavia astenuti dal comprendere nell’elenco il presidente Bashar al-Assad.
Già  gli Stati Uniti in precedenza avevano imposto il congelamento dei beni a due capi della sicurezza siriana, il responsabile dei servizi militiari e di quelli centrali, e al cugino del presidente Assad, Rami Makhlouf.


Related Articles

Migranti. Sette anni dopo la strage del 3 ottobre, nel Mediterraneo si continua a morire

3 ottobre. Oggi la «Giornata nazionale in memoria delle vittime dell’immigrazione» per ricordare i 368 morti davanti alle coste dell’isola siciliana. Iniziative e protese in molte città

Sudan. Oltre cento manifestanti massacrati da unità paramilitari

Khartoum. Il Nilo restituisce altri corpi di giovani uccisi dai paramilitari nell’azione di forza di lunedì scorso. E ora la giunta ci ripensa, pressata dalle cancellerie internazionali: «Pronti a riaprire il negoziato»

Addio a Sihanouk regnò in Cambogia

Addio al re rosso. Norodom Sihanouk, ex monarca cambogiano più volte volontariamente sceso dal trono, si è spento a 89 anni a Pechino, dove viveva dal 2004 in una sorta di auto esilio.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment