S&P continua l’offensiva contro l’Italia

ROMA – Continua il pressing di Standard & Poor’s sull’Italia. Dopo aver rivisto da «stabile» a «negativo» l’outlook del debito pubblico nazionale – in pratica le sue prospettive – e anzi proprio in funzione di quella bocciatura, l’agenzia di rating estende ora il suo giudizio. Vengono così riviste al ribasso anche le prospettive di quattro banche italiane (Mediobanca, Bnl, Findomestic e Intesa Sanpaolo), della Cassa Depositi e Prestiti, delle Poste e di 12 enti regionali e locali. I rating per adesso restano invariati.

La decisione segue il duro giudizio espresso sul paese lo scorso 21 maggio, subito contestato dal ministro Tremonti. In quell’occasione S&P, come viene chiamata, aveva fatto sapere di nutrire poca fiducia nella crescita, poche speranze sulle capacità  del governo di cambiare il paese e molti dubbi «sull’ingorgo» che attanaglia la politica interna. Adesso, in una nota, spiega che la sforbiciata alle banche è di tipo, per così dire, preventivo. Ovvero l’agenzia potrebbe dover tagliare i loro rating «nel caso si verificasse un declassamento del debito sovrano dell’Italia, visti i profili prevalentemente domestici» del loro business. Invariato il giudizio su Cariparma e Credito sportivo. Decurtate invece le prospettive delle sussidiarie Imi, Banca infrastrutture innovazione e sviluppo (Biis) e Cassa di Risparmio di Bologna. 
Il taglio dell’outlook della Cassa Depositi e Prestiti è dovuto al fatto che l’istituto «gioca un ruolo critico, considerato il proprio mandato pubblico-politico e la stretta connessione con il governo italiano». Le Poste vengono considerate una «entità  legata al governo». 
Le Regioni che subiscono il peggioramento dell’outlook sono: Marche, Sicilia, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Liguria, Umbria. Nell’elenco figurano poi la Provincia di Roma, quella di Ancona e di Mantova. Tra i Comuni: Bologna, Genova e Lucca.
La sostanziale automaticità  della decisione di S&P ha portato a un contraccolpo in Borsa. Dopo un brusco calo dei titoli bancari made in Italy contemporaneo alla diffusione della notizia, a Piazza Affari Intesa Sanpaolo, sotto aumento di capitale, chiude la seduta con un calo dell’1,06%; Mediobanca perde invece lo 0,47%. E’ andata peggio per altri titoli bancari non interessati dal giudizio degli analisti dell’agenzia anglosassone, come Banco Popolare e la Banca popolare di Milano, che hanno ceduto rispettivamente l’1,48% e l’1,32%.
Per Intesa Sanpaolo, in particolare, S&P vede come fattori negativi «la concentrazione del business in Italia dove il rischio economico è più elevato della media dell’Unione europea, una qualità  degli asset in qualche modo inferiore rispetto a concorrenti dello stesso tipo in Europa e la forte concentrazione su un solo marchio». Anche Mediobanca in questo tipo di analisi paga «l’elevata concentrazione delle attività  in Italia», come pure «un profilo degli impieghi vulnerabile al rischio-eventi». A sostegno dell’istituto ci sono invece «la solidità  di capitale, l’esperienza accumulata nella gestione dei rischi di credito e di mercato».

 


Related Articles

Sorveglianza di massa. Gli occhi «intelligenti» di Pechino sperimentati in Africa

Cina, Africa e intelligenza artificiale. Pechino sperimenta le proprie tecnologie di «riconoscimento facciale» in Zimbabwe. Le startup cinesi di AI hanno ormai superato quelle Usa nella raccolta di finanziamenti

Come salvare l’Europa evitando la recessione

Il rapporto Igas presentato da un gruppo di economisti al parlamento di Strasburgo propone una via diversa e opposta all’austherity per raggiungere gli stessi obiettivi fissati dalla Commisione Ue

«Se la disoccupazione sale al 25% ci saranno rivolte tali che alcuni paesi potrebbero anche uscire dall’euro» «Per alcuni anni si può sospendere l’obbligo del deficit al 3% almeno per gli stati più in difficoltà »

L’inchiesta sui fornitori di Apple

L'inchiesta sui fornitori di Apple

La Fair Labor Association ha concluso la sua indagine nelle contestate fabbriche cinesi della Foxconn, documentando abusi e irregolarità 

La Fair Labor Association, associazione non profit promossa da Bill Clinton nel 1999 per migliorare i controlli nelle fabbriche e assicurare un corretto rispetto delle norme e della sicurezza dei lavoratori, ha annunciato ieri i risultati dei controlli effettuati su iniziativa di Apple – e dopo varie inchieste giornalistiche – sulle condizioni di lavoro nelle fabbriche delle aziende fornitrici, comprese la Foxconn a Shenzhen e Chengdu, in Cina. L’inchiesta si è basata in parte sui questionari compilati da 35.000 lavoratori tra quelli che costruiscono i componenti di iPod, iPhone e iPad, e in parte su visite dirette da parte degli ispettori dell’associazione.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment