Quel demone del potere che fa tornare selvaggi

Dilaga fino a quelle forme, le più primitive, che hanno nella pratica sessuale reiterata, quando non addirittura nell’aggressione sessuale, la forma più elementare dell’esercizio di potere.
Lo vediamo negli animali che appena si incontrano, se non scatenano subito l’aggressività , focalizzano immediatamente gli organi sessuali, obbedendo a quello che in loro detta la natura.
La quale li prevede esclusivamente come funzionari della specie, che li seleziona o nella forma dell’aggressività  (mors tua vita mea) o nella forma della sessualità  indifferenziata, per garantirsi la propria continuità  a prescindere dal riconoscimento della specificità  degli individui.
Il grande lavoro, prima delle religioni, poi dei processi di civilizzazione, è consistito sostanzialmente nel porre freni sia all’aggressività  indiscriminata sia alla sessualità  selvaggia, trasferendo questa pulsionalità  ineliminabile dal livello animale e bestiale al livello umano e sociale. Questa è la ragione per cui, a livello umano, l’aggressività  diventa competizione che, se vincente, garantisce identità  e riconoscimento a cui gli uomini massimamente tendono. Ce lo ricorda Hegel là  dove annota che mentre gli animali uccidono per soddisfare la fame, gli uomini uccidono per avere il riconoscimento del loro potere e della loro superiorità .
Questo per l’aggressività , mentre per la sessualità , religioni e percorsi di civilizzazione hanno portato al riconoscimento dell’individuo, al suo primato rispetto al genere, per cui attenzione a quei maschi che parlano delle «donne» e non di «questa» o «quella» donna, perché in costoro il processo di civilizzazione non si è ancora compiuto, e la loro condizione psichica non si è ancora emancipata dallo stadio di una potenziale sessualità  indifferenziata non dissimile da quella animale. Questa dovrebbe essere la carta d’identità  da consegnare a quanti frequentano le prostitute dove, sotteso allo scambio sessuale, fa la sua comparsa il potere del denaro che tutto può comprare. Anzi, forse il godimento più che nel piacere dei sensi, trova la sua soddisfazione proprio nell’esercitare questo potere.
«Sexual addiction», allora, più che una coazione sessuale risponde a un bisogno incontenibile di verificare in ogni occasione il proprio potere, in quella forma primitiva e animale che è la potenza sessuale, sia nel caso di coloro che, non avendo nella società  altro riconoscimento, lo cercano nell’aggressione sessuale, sia in coloro che, saturi di riconoscimenti sociali, vogliono sperimentare il loro potere anche in quei bassifondi delle loro pulsioni che, nel mondo animale, trovano la loro espressione nella pratica sessuale indifferenziata. In questi casi la sessualità  non è il «tema», ma il «luogo», il più segreto, il più nascosto, il più impenetrabile, in cui poter assaporare l’illimitatezza del proprio potere.
E qui fa la sua comparsa la figura del «limite» che chi è socialmente misconosciuto vuole oltrepassare, e chi ne è socialmente saturo tendenzialmente non conosce, e perciò deborda come il giocatore d’azzardo che non riesce a trattenersi anche dopo una vincita. Ma quando diciamo «limite» dobbiamo pensare non sono alla società , ma anche alla natura che concede una potenza sessuale per un certo periodo della vita e non per tutta la vita.
Oggi però, grazie agli additivi chimici, questo limite può essere artificialmente oltrepassato, e per chi è invaso dal demone del potere che cosa c’è di più gratificante che celebrare la propria potenza sessuale al di là  del limite che la natura per ciascuno di noi ha disposto?
Qui il bisogno incontenibile di potere raggiunge il suo orgasmo, che non è tanto nel piacere sessuale, quanto nel toccare con mano l’oltrepassamento del limite posto dalla natura, in personalità  che non hanno mai conosciuto le figure del sentimento, rimasto primitivo e non evoluto, indifferenziato e incapace di cogliere l’espressione di un volto, la qualità  di uno sguardo, il significato di una parola, l’atmosfera di un incontro, perché già  prima il loro sguardo è offuscato e ottenebrato dall’opacità  della carne, resa inespressiva e quindi inidonea a una scena d’amore, perché non è l’amore che si cerca, ma il piacere della propria potenza, impropriamente chiamata «potenza sessuale».


Related Articles

Il pressing sui giudici per la causa Mondadori “Ok, rinvio ottenuto”

Martino e Lombardi agirono per far assegnare l’esame alle Sezioni Unite della Cassazione. È il contenzioso che poi Segrate ha chiuso utilizzando l’ultima legge “ad aziendam” 

Sempre più adulti, ecco i nuovi adolescenti

Un rapporto della Società di pediatria spiega il cambiamento dei teenager italiani negli ultimi 10 anni.

Le perplessità  del Quirinale sul comma-Ghedini per gli ascolti

Napolitano vuole evitare norme irragionevoli

La legge viene costantemente monitorata dai consiglieri di Napolitano

Per il Cavaliere, se cade il principio del limite “allora è meglio che lasciamo perdere”

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment