L’arabo la lingua straniera più diffusa in Italia: parlata da 660 mila nordafricani

MILANO – E’ l’arabo la lingua straniera più parlata e compresa in Italia: sono 660mila gli immigrati nordafricani che la parlano, seppure nelle sue numerose varianti. Al secondo posto si attesta l’albanese (parlato da 467mila persone) mentre al terzo si piazza lo spagnolo, che viene compreso da 266mila immigrati provenienti da buona parte dell’America Latina, soprattutto peruviani, ecuadoriani, dominicani, colombiani, cubani e argentini. “A ogni gruppo nazionale abbiamo associato una lingua -spiega Alessio Menonna, ricercatore della Fondazione Ismu e autore della ricerca-. Seppure con qualche semplificazione, possiamo in questo modo ipotizzare la diffusione e la comprensione delle diverse lingue del mondo in Italia”. L’indagine non tiene conto degli idiomi parlati all’interno dell’Unione europea. Tra le “lingue del mondo” figurano anche inglese e francese che si piazzano ai piedi del podio: il primo è parlato da 215mila persone tra indiani, pakistani e ghanesi, il secondo a 173mila tra senegalesi, nigeriani, ivoriani e cittadini di Burkina Faso, Mauritius e Camerun. Meno diffusi il cinese (188mila unità ), l’ucraino (174mila persone) e il filippino o tagalog (per 124mila). Nella città  di Milano il panorama linguistico risulta un po’ differente: l’arabo è l’idioma più diffuso (lo parlano 38mila persone), seguito dallo spagnolo (36mila) e dal filippino (per 31mila), con una buona rappresentanza anche del cinese (parlato da almeno 17mila residenti) e del tamil o del cingalese (da 12mila cittadini dello Sril Lanka). Viceversa pesano meno l’albanese, l’ucraino, il francese e l’inglese. (is)

 

© Copyright Redattore Sociale


Related Articles

Emergenza sbarchi Berlusconi stanzia un milione di euro

L’emergenza dettata dalle migliaia di migranti dal Nord Africa rischia di aggravarsi, in particolare se il regime di Gheddafi in Libia dovesse vacillare. Per questo il presidente del Consiglio Berlusconi ieri ha firmato un’ordinanza di protezione civile, in cui segnala «l’insufficienza delle attuali strutture destinate all’accoglienza» dei nordafricani, «rispetto all’eccezionalità  del flusso migratorio».

L’Egitto di al-Sisi fa sparire oppositori e attivisti

Egitto. La custodia cautelare a tempo indeterminato è ormai la norma, una forma di tortura denunciata dalle associazioni locali. Dal 2013 oltre 10.400 i detenuti per proteste

Il centro segreto di detenzione della polizia di Chicago

Si chiama Homan Square, racconta un’inchiesta del Guardian, e a chi ci finisce – per lo più neri accusati di reati minori – non viene permesso di vedere un avvocato o avvisare qualcuno

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment