La giustizia del canguro

Giovedì la signora Hillary Clinton, a Roma per fare il punto sulla crisi libica, in una intervista ha detto che Gheddafi e familiari sono bersagli legittimi dei missili umanitari (magari italiani), anche se «questo non è l’obiettivo della missione». Ieri è arrivata la notizia, pubblicata dal Wall Street Journal e non smentita dal Pentagono, che giovedì un drone americano – uno di quegli aerei bombardieri senza equipaggio che in Afghanistan e Pakistan fanno quotidiane stragi forse di militanti taleban e certo di civili intenti a celebrare nozze e banchetti – ha sparato un missile su un auto che viaggiava in una provincia dello Yemen nella speranza di beccare Anwar al Awlaki. Costui è un imam radicale yemenita, fra l’altro nato negli Usa, considerato il leader di al Qaeda nella penisola arabica e uno dei candidati a prendere il posto lasciato vacante da bin Laden. Al Awlaki non era sull’auto e il missile ha colpito e ucciso altri due, due fratelli. Ma, va bene lo stesso, per ora, perché anche loro erano probabilmente di al Qaeda. Per lui ci saranno altre occasioni, droni o squadre speciali visto che la Cia ha ricevuto l’ordine, in aprile, di prenderlo «vivo o morto».

In questi giorni si è scritto molto sulla «legittimità » di assassinare degli assassini. Durante i mandati di Bush e Cheney, il problema non si poneva. Loro rivendicavano il «diritto» naturale o acquisito dell’America di fare tutte le guerre che ritenessero necessarie, di sequestrare e torturare gente, di aprire campi di concentramento – chiamiamoli pure lager – come quello di Guantanamo. Per la guerra asimmetrica «al terrorismo» tutto andava bene, anche quella sorta di «Kangaroo Justice» che in genere viene attribuita a ben altri «stati canaglia» e barbarici satrapi, mai però al paese che conta fra i padri della patria gente come Abraham Lincoln e Thomas Jefferson.
Storicamente parlando, la Kangaroo Justice, la giustizia del canguro (citata anche in qualche sentenza della Corte suprema Usa), data agli inizi dell’800 e si riferisce alla pratica dei giudici itineranti che «saltavano» da un posto all’altro lungo «la frontiera» degli Stati uniti ed erano pagati sulla base del numero dei processi che facevano e dei condannati che impiccavano. Quindi una giustizia buona per il Far West di inizio ‘800. Ma buona anche, sembra, per il Far West globale di oggi. Per i banditi globali tipo bin Laden e Gheddafi (ma non per Assad, strano, non sarà  perché la Siria è un po’ più «strategica» della Libia?), per gli sceriffi globali tipo Bush e, peccato, anche il simpatico Obama. E’ il vecchio e sempre attuale modello biblico dell’occhio per occhio, il modello della vendetta e della rappresaglia, il modello delle esecuzioni extra-giudiziali e degli «assassinii mirati» reso popolare dagli israeliani.
Giustizia, diritti umani, diritti di cittadinanza, dittatura e democrazia sono concetti molto, molto relativi, volatili, a geometria variabile. Non solo per gli Stati uniti e quello che schematicamente si definisce l’Occidente, fari di civiltà  giuridica e politica, ma anche per organismi «umanitari» tipo Onu e Corte penale internazionale. Che, guarda caso, a parte qualche ex-jugoslavo, finora si è occupata solo di malfattori «neri» e non ha trovato nessun «bianco» meritevole di processo e condanna. La giustizia del canguro.


Related Articles

IL CAMBIO DI PASSO DELL’EUROPA

La Banca Centrale dell’Europa ha redarguito il governo italiano perché non sta attuando quelle misure necessarie per ridurre l’enorme debito pubblico, ma la BCE la Bce dovrebbe piuttosto preoccuparsi di intervenire per ridurre il valore dell’euro

RDC, le mille contraddizioni di un paese senza pace

Congo

All’inizio dell’anno la situazione sembrava ormai sfuggita di mano e la Repubblica democratica del Congo appariva destinata all’ennesima guerra tra bande per spartirsi il potere e le immense ricchezze del paese. Triste destino per l’Africa: molto spesso lunghi processi che finalmente portano alle elezioni e quindi a un primo abbozzo di democrazia, generano, dopo il risultato elettorale quasi mai riconosciuto dai contendenti, scontri e violenze che riportano al punto di partenza del cammino di pacificazione. La RDC aveva celebrato le elezioni presidenziali (e legislative) il 28 novembre 2011 nelle quali si fronteggiavano il presidente uscente Joseph Kabila e il capo dell’opposizione à‰tienne Tshisekedi.

Siria, l’ira della Clinton «Una farsa il veto all’Onu»

«Aggiriamo il Consiglio di Sicurezza: è senza attributi»

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment