Strasburgo condanna l’Italia espulse tunisino, poi torturato

STRASBURGO – L’Italia è stata condannata dalla Corte europea dei diritti dell’uomo per aver espulso e rinviato nel suo paese un cittadino tunisino, che al suo arrivo – secondo le affermazioni dell’uomo – sarebbe stato arrestato e torturato. Ali Ben Sassi Toumi era stato condannato nel 2007 a sei anni di detenzione per terrorismo internazionale da un tribunale italiano. Liberato nel maggio 2009, era stato espulso in agosto nonostante la Corte europea avesse chiesto all’Italia di sospendere la decisione, per il timore di maltrattamenti in Tunisia. Il governo italiano affermò allora di aver ricevuto rassicurazioni diplomatiche sulla sicurezza di Toumi.

Toumi sostiene invece di essere stato arrestato non appena rientrato in Tunisia, torturato durante la detenzione e rilasciato solo a condizione di non denunciare i fatti. Nel condannare l’Italia, la Corte ha accordato 15.000 euro di risarcimento a Toumi per danni morali. La decisione può essere appellata


Related Articles

Quell’uomo a terra legato mani e piedi shock per la foto nel commissariato

successo a fine maggio al commissariato di Monza. Fermato per aver partecipato a una rissa, dà in escandescenze. Due poliziotti lo bloccano con delle procedure fuori dalle regole. E il questore manda l’immagine in procura

Cina, accuse ai separatisti uiguri Xi: «Colpiremo con durezza»

La testimonianza: «Ho visto tagliare la gola a un uomo» Guido Santevecchi, Corriere della Sera PECHINO — C’erano due donne

Il contact center dell’Unar si allarga anche a disabilità  e religione

Dopo un anno di sperimentazione, il servizio antirazzismo dell’Ufficio si allarga anche a eventi discriminatori legati alla disabilità , all’età , alla religione, all’orientamento sessuale e all’identità  di genere. Monnanni: “Combattiamo il pregiudizio”

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment