Il pagamento posticipato

Non devono il temere secondo il ministro manovre correttive né per quest’anno né per il prossimo: in questo biennio si farà  soltanto manutenzione contabile ordinaria. Lo sforzo vero sarà  operato nel successivo biennio 2013/2014, al termine del quale si dovrebbe arrivare al tanto agognato pareggio di bilancio. Bene, la Banca d’Italia si astiene dal dare un proprio giudizio sulla singolare scelta tremontiana di rinviare nel tempo – addirittura alla prossima legislatura – il grosso dell’operazione di risanamento. Si astiene insomma dal dire quello che tutti pensano – ovvero che questo governo non farà  niente di serio prima delle elezioni politiche – ma non rinuncia anche a fare i conti di questa perdita di tempo. E la fattura è di quelle che lasciano sbigottiti: se davvero si vuole concentrare fra il 2013 e il 2014 la manovra per raggiungere il pareggio di bilancio, questa non potrà  essere inferiore ai 35 miliardi nel biennio. Circa 70mila miliardi delle vecchie lire, come ama tradurre Silvio Berlusconi quando vuole enfatizzare il valore di qualche suo provvedimento. Sarà  che l’idea del governo è quella di acquistare tempo per non penalizzare con tagli più severi la fragilissima congiuntura che s’annuncia ancora per quest’anno e per il prossimo. Ma resta il fatto che anche una mazzata da 35 miliardi spostata un biennio più avanti non potrà  che avere un effetto frenante moltiplicato sugli eventuali e sperabili germogli di maggiore crescita che dovessero manifestarsi di qui ad allora. In altre parole, indossando le vesti del medico pietoso, Giulio Tremonti rischia soltanto di rendere il quadro clinico ancora più grave. La ragion politico- elettorale del rinvio risulta così ancora più evidente e, al tempo stesso, miserevole. Tanto più alla luce del plumbeo quadro economico-sociale che il Bollettino di Via Nazionale traccia con una serie di cifre tutte drammatiche. A cominciare da quelle relative a una crescita che sì è positiva, ma pur sempre in termini di un decimale poco più o poco sotto il punto percentuale: la metà  di quel due per cento che lo stesso governatore Draghi ha appena indicato come livello minimo per poter piegare davvero la corsa all’aumento del debito pubblico e, al tempo stesso, assorbire almeno in parte una disoccupazione sempre crescente. Accade, infatti, che nel biennio di vacanza immaginato dal ministro Tremonti il debito pubblico – e le cifre sono sue – salirà  al 120 per cento del Pil nel 2011 per scendere appena di mezzo punto (un’inezia statistica) nel 2012. Quanto al nodo sociale del lavoro rispetto a un anno fa ci sono oggi 35mila disoccupati e 65mila inattivi in più, mentre altri 92mila italiani sono entrati nella classifica dei cosiddetti scoraggiati perché hanno ormai perso speranza di trovare e voglia di cercare un’occasione di impiego. Delle frustate berlusconiane all’economia costoro non hanno sentito neppure il fischio. Così come non se ne sono accorte le famiglie i cui consumi stentano e i cui debiti sono in lieve ma costante crescita avendo ormai raggiunto i due terzi del reddito disponibile. Un livello che rischia di sfilare sotto il naso al ministro Tremonti il principale argomento delle sue sortite in campo europeo quando invoca proprio il tesoro privato degli italiani come garanzia di sostenibilità  del debito pubblico. Forse il ministro dell’Economia ha pensato che fosse un’astuta mossa politica quella di rinviare alla prossima legislatura il vero aggiustamento dei conti pubblici. La lettura del Bollettino di Bankitalia porta a ritenere che se proprio così dev’essere, la soluzione migliore sono a questo punto le elezioni anticipate.


Related Articles

Ilva, Bondi costretto al dietrofront “Mai data la colpa alle sigarette”

Il commissario: ho solo inoltrato il parere di quattro esperti. Ma M5S e Sel insistono: si deve dimettere

Bonanni: “Epifani riconosca i suoi errori”

Sacconi: reazione ferma alla violenza. Fiom: atti inaccettabili ma non strumentalizzate. Scontro sulle possibili punizioni agli iscritti: non è mai stata la linea della Cgil

L’allarme dei banchieri “Tassi di mercato troppo alti si rischia il blocco del credito”

Le conseguenze sull’economia reale dell’aumento dello spread Btp-Bund.   Un’aggravante rispetto alla Spagna: da noi il quadro politico è senza sbocchi 

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment