I risultati della xenofobia

Ma l’abuso propagandistico dello strumento legislativo, adoperato come orpello simbolico a prescindere dalla sua funzionalità , quasi che le istituzioni potessero impregnarsi di stati d’animo, ora rivela platealmente i suoi limiti. In poche settimane il popolo cui veniva promessa la salvaguardia dall'”invasione straniera” ha visto sbriciolarsi l’architrave normativo della xenofobia leghista. La partnership con il dittatore-amico Gheddafi ridotta a carta straccia; la pena detentiva per chi non ottempera al decreto di espulsione bocciata dalla Corte di Giustizia dell’Unione europea. Una sequenza inesorabile perché il vento della storia soffia in tutt’altra direzione, e la rendita parassitaria sugli effetti perduranti del terrorismo islamico non basta più a orientare la rotta, trascorso un decennio dall’11 settembre 2001. Sta inceppandosi il meccanismo di accumulazione leghista: protesta e potere sono addendi che alla lunga non si sommano neppure dietro la maschera del populismo. Né si può governare un paese mediterraneo, grande e industrializzato come l’Italia, predicando la contrapposizione alle sue normative comunitarie (Ue) e alle sue alleanze militari (Nato). Anche l’introduzione del reato di clandestinità  per i migranti irregolari, legge approvata nel 2009, è un episodio tipico di questo abuso propagandistico della legislazione. Tale norma ha solo contribuito a intasare i tribunali. Altro che processo breve. Nessun vantaggio nella lotta al crimine deriva da questo allungamento delle istruttorie, solo oneri aggiuntivi per la macchina giudiziaria distratta dal perseguimento di reati più gravi. Nel frattempo, invece di sveltire le pratiche di espulsione, è subentrato l’obbligo di arresto replicato per migliaia di volte nei confronti degli stranieri espulsi inadempienti, con ingente spreco di spesa pubblica. Tutto ciò venne fatto presente dall’Associazione nazionale dei magistrati prima del varo di norme che peraltro il Guardasigilli emanava malvolentieri, solo perché alla Lega non poteva dire di no. Per giustificare la necessità  di introdurre il nuovo reato di clandestinità  nei nostri codici, ad esempio, non potendo ammetterne la finalità  meramente ideologica, il povero Angelino Alfano si arrampicò sui vetri: “Riteniamo che possa essere una misura di deterrenza forte che disincentivi l’ingresso di immigrati che vogliono essere clandestini”, dichiarò. Insomma, una minaccia in più che chissà  come dovrebbe risuonare fino alle orecchie di persone che partono dai loro paesi per miseria o disperazione, convincendole che venire in Italia sarebbe troppo pericoloso. Argomento risibile, non concernesse la fatica di vivere toccata in sorte a tanti nostri simili. Il ministro degli Interni, Roberto Maroni finge di non capire quando lamenta uno speciale accanimento della Corte di Giustizia europea ai danni dell’Italia. È per sua volontà , infatti, che il nostro Parlamento non ha ancora approvato la Direttiva comunitaria che regolamenta i rimpatri dei migranti irregolari solo dopo un vaglio accurato dei loro diritti: il contrario dei respingimenti sbrigativi, nel bel mezzo del Canale di Sicilia, che ci hanno procurato disonorevoli


Related Articles

Is, le ragazze spezzate

Sono quasi tutte giovanissime. Stuprate, picchiate, torturate e sfruttate dai miliziani del Califfato Le abbiamo incontrate a Dohuk, nel Kurdistan iracheno

Più ingressi, meno precarietà: la proposta di Rifondazione Comunista sull’immigrazione

Tra le priorità: reintroduzione dello sponsor e auto-sponsorizzazione, chiusura dei Cpt, maggiori possibilità per regolarizzare chi lavora, maggiori ingressi, permessi

Siria, il mondo guarda altrove mentre Assad e l’Isis fanno strage

Siria e Iraq diventano il campo di battaglia «per conto di terzi» segnato da tensioni profonde, che vanno ben oltre il contesto locale

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment