Tre scenari per una crisi

Cruciali questioni di interesse nazionale, come tutti sanno, sono in gioco per l’Italia nella vicenda libica. A seconda degli esiti di quella crisi il nostro interesse nazionale verrà  salvaguardato oppure gravemente danneggiato. Allo stato degli atti, sembrano essere tre i possibili esiti della crisi libica. Nel primo scenario, Gheddafi viene sconfitto, abbandona il potere e gli subentra una nuova classe dirigente che, nonostante grandi difficoltà , si rivela capace di tenere insieme il Paese e di ristabilire normali relazioni con gli altri Stati. Nel secondo scenario, la guerra civile si protrae a lungo e la Libia sprofonda negli inferi, finisce nel girone riservato agli «Stati falliti» , in compagnia di Paesi come la Somalia o l’Afghanistan. Nel terzo scenario, infine, Gheddafi riprende il controllo dell’intero territorio, Cirenaica compresa, al prezzo di un terribile bagno di sangue. Il primo scenario, ovviamente, è il migliore per la Libia ma anche per noi italiani. Si tratterà  di stabilire relazioni con una nuova classe dirigente che, presumibilmente, avrà  anch’essa interesse a un buon rapporto con l’Italia, che avrà  bisogno dei legami economici con noi, tanto più nella fase della ricostruzione post dittatura. Avevamo, è vero, eccellenti rapporti con Gheddafi, il che ci renderà  sospetti ai loro occhi, ma è comunque un fatto che, fra gli occidentali, non siamo stati i soli a coccolarlo. Il realismo imporrà  ai nuovi dirigenti libici di non rinunciare a una cooperazione vantaggiosa per entrambi i Paesi. Gli altri due scenari, invece, ci danneggerebbero grandemente. Se la Libia diventasse uno Stato fallito, si trasformerebbe in una piattaforma adibita al trasferimento al di qua del Mediterraneo di fiumi di disperati, di caos, di criminalità  e terrorismo, ossia dei frutti avvelenati che crescono sempre negli Stati falliti. E noi saremmo in prima linea, i primi a subirne le conseguenze. In uno scenario «somalo» diventerebbe prima o poi inevitabile un intervento militare della comunità  internazionale volto a frenare il caos. Nonostante le insidie e l’alto rischio di fallimento a cui un intervento militare andrebbe incontro. Ma anche il terzo scenario, quello che prevede un Gheddafi di nuovo vittorioso in Libia, sarebbe pessimo per noi. In politica internazionale l’ipocrisia è la regola. Fino a ieri tutti, non solo noi italiani, fingevano di non sapere che Gheddafi fosse un turpe dittatore che aveva sempre fatto strame di diritti umani. Lo fingevano i governi, i banchieri, il Consiglio dei diritti umani dell’Onu, persino la prestigiosa Lse (la London School of Economics and Political Science di Londra) destinataria di generosi finanziamenti libici, e tantissimi altri. Adesso però l’incanto si è rotto, adesso Gheddafi è un paria, un ricercato dell’Interpol, un possibile imputato del tribunale penale internazionale. D’ora in poi, fare affari con lui diventerà  molto difficile. Se Gheddafi riconquisterà  la Libia, per l’Italia saranno dolori, pagheremo un costo economico salatissimo. Per non parlare della difficoltà  di ristabilire rapporti di cooperazione su materie sensibili come il controllo dell’emigrazione dall’Africa. La questione dei rapporti economici Italia Libia ha due facce. C’è, in primo luogo, il destino del centinaio di imprese che operavano fino a pochi giorni fa in Libia e il futuro ruolo dell’Eni. Adesso che anche noi abbiamo scaricato Gheddafi, un vendicativo dittatore di nuovo in sella potrebbe decidere di spazzarci via a vantaggio di meno scrupolosi concorrenti. La Cina, soprattutto, un Paese che non ha problemi a trattare con i peggiori dittatori, sarebbe certo lieta di subentrare alle nostre e alle altre imprese occidentali. E c’è poi la questione dei fondi sovrani, dei cospicui investimenti dello Stato libico in Italia (la presenza in Unicredit, Finmeccanica, Eni, il ruolo della Banca libica con sede a Roma, eccetera). Per ora, in omaggio alle direttive Onu, abbiamo congelato, come altri Paesi, i beni della famiglia Gheddafi e ci siamo dichiarati pronti, per bocca del ministro degli Esteri Franco Frattini, a congelare anche i fondi sovrani se ciò verrà  deciso dall’Onu o dall’Unione Europea. Ma è un tema delicatissimo. Da un lato, sarà  impossibile per noi non ottemperare alle eventuali richieste in tal senso degli organismi internazionali. Dall’altro lato, sarà  di particolare danno farlo dal momento che i libici sono uno dei principali investitori sulla nostra piazza e, per giunta, un congelamento dei loro capitali sarebbe un pessimo segnale per altri investitori. In ogni caso sarebbe per noi una perdita secca e pesante. Posto dunque che non solo ai libici ma anche a noi conviene che Gheddafi se ne vada, si può constatare quanto siano state improvvide le dichiarazioni del Consiglio di sicurezza dell’Onu del 26 febbraio secondo cui Gheddafi va processato di fronte al Tribunale penale internazionale, l’apertura di un procedimento a suo carico da parte del Tribunale dell’Aja, l’allerta dell’Interpol per impedire che egli e il suo entourage possano espatriare. Non bisogna mai mettere un dittatore che non ha ancora abbandonato il potere con le spalle al muro. Serviva un salvacondotto, non un processo. Magari Gheddafi è davvero pronto, come ha detto, a morire con le armi in pugno. Ma un salvacondotto, come alternativa al bagno di sangue, doveva comunque essergli offerto. E dovrà  essergli offerto. Conviene anche agli entusiasti della cosiddetta «giustizia internazionale» . Per dimostrare che fra i suoi effetti perversi non ci sia anche quello di prolungare le sofferenze dei popoli.


Related Articles

Sudan, la piazza non smobilita contro il golpe dell’esercito

Svolta a Khartoum. Destituito dopo 30 anni di potere il presidente Omar al Bashir. Ma la “primavera” di Khartoum è già diventata un colpo di stato militare

Corsa al riarmo. Il pericolo del ritorno dell’opzione nucleare

il ricorso all’atomica dunque torna a essere «un’opzione». Dopo le torri gemelle, era stata l’amministrazione Bush a mettere sul tavolo delle «opzioni» possibili l’uso dell’arma nucleare

Un salvagente europeo per l’ex Tigre celtica

IRLANDA In arrivo un super prestito Ue da oltre 60 miliardi

Brian Cowen, il Taoiseach (primo ministro) liberale irlandese, continua a rifiutarsi di confermare ufficialmente le indiscrezioni secondo cui anche l’Irlanda dopo la Grecia dovrà  farsi aiutare dall’Unione europea (Ue) per evitare la bancarotta. Ma a sentire le voci sempre più insistenti che arrivano dai palazzi di Bruxelles e le dichiarazioni fatte dai ministri finanziari dell’Ue riuniti al meeting del G20 a Seoul, appare chiaro che siamo vicini ad una nuova operazione di salvataggio, dopo quella lanciata nel maggio scorso per soccorrere la Grecia. 

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment