Le verità  nascoste tra soldi e petrolio

Il feretro è accompagnato da una folla di disincantati cittadini che hanno altre fonti e non credono a quanto viene propinato dalla politica e dalla propaganda. L’azione militare in Libia non è soltanto umanitaria: è un tentativo di riscrivere la mappa degli interessi energetici in Nord Africa. Lo sviluppo può essere una stabilità  con nuovi equilibri (ed equilibristi) o una balcanizzazione dell’area. Francia e Gran Bretagna hanno approfittato dei moti popolari e delle provocazioni di Gheddafi pensando di trarre vantaggi da entrambe le conclusioni. Gli Stati Uniti tentennano perché non capiscono l’Africa e l’Italia si è giocata qualsiasi chance puntando sul cavallo sbagliato e poi dichiarandolo bolso. Gheddafi è dunque l’obiettivo. Non è vero che avremmo volentieri fatto a meno di intervenire o che non potessimo negare le basi. Siamo in una coalizione per nostra volontà  e avremmo potuto eccepire sull’uso delle nostre basi per operazioni non condotte dalla Nato. Non è vero che è opportuno passare il comando alla Nato perché garantisce unità  o il coordinamento e perché ci esonera dalla verifica della rispondenza delle operazioni militari al mandato Onu. Il comando delle operazioni alla Nato rischia di provocarne la frattura interna e di sancirne il ruolo di fornitore di servizi bellici a pagamento. Il coordinamento auspicato non è il comando e la Nato non garantisce il rispetto dei mandati (vedi Afghanistan), anzi tende a cronicizzare le operazioni. Inoltre, è incredibile che si sia detto che ci riprenderemo il comando delle basi: se lo abbiamo ceduto ad altri abbiamo fatto una indebita cessione di sovranità . Così come non è credibile che i nostri aerei non debbano sparare per proteggere i civili libici e sopprimere le minacce. Infine, non si può credere a chi rimpiange Gheddafi perchè ci dava petrolio e soldi e ci proteggeva dall’invasione scalza. Il colonnello gestiva soldi, petrolio e traffici di migranti per il suo interesse, esattamente come aveva gestito il terrorismo. Oltre a chi comanda e a chi dovrà  guidare la Libia del dopo-Gheddafi bisogna anche inventarsi qualcosa di più credibile per giustificare sia la guerra sia la complicità  con i tiranni.


Related Articles

L’Europa che non c’è

Solo che stereotipi così grossolani sono fuorvianti oggi quanto lo erano ai tempi della Guerra in Iraq. Ora come allora gli americani sono divisi, e gli europei ancor di più. La Francia e la Gran Bretagna hanno guidato la campagna per la no-fly zone e per “tutte le misure necessarie a proteggere i civili in Libia”. La Germania si è apertamente dissociata.

Libia, a Roma l’assemblea dei capi tribù

L’annuncio di Frattini. Obama al Congresso Usa: “Contro Gheddafi solo una missione”. L’Italia firma un accordo sull’immigrazione con il capo dei ribelli di Bengasi

“Pieno accesso alla zona” Mosca apre all’inchiesta degli ispettori internazionali

Il Cremlino cambia strategia e chiede ai Servizi un rapporto sui ribelli No alle scatole nere in Russia: “Anche noi vogliamo cercare la verità”

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment