La magia della storia raccontata ad alta voce

Quando leggiamo siamo noi a stabilire il ritmo delle parole, le pause, le accelerazioni, i momenti in cui la nostra voce interiore dialoga con la voce dell’ autore, momentaneamente vivo o morto che sia. Possiamo leggere anche in mezzo al rumore, possiamo dare un volto e una voce ai personaggi, possiamo chiudere il libro per noia o per troppa emozione. Nell’audiolibro c’è una voce che dà  i tempi, il cui timbro illumina o spegne i brani. Possiamo lasciarci andare a questa trasformazione, o rifiutarla. Ma se ci incanta torniamo vicino al fuoco del camino, al momento in cui qualcuno ci lesse ad alta voce il primo libro, segnando il nostro cammino di lettori o non-lettori. Come esistono i brutti libri, esistono i brutti audiolibri, soprattutto fatti in fretta. In quanto ai famosi “readings”, assessori spregiudicati fanno leggere Kafka in un ascensore o Gadda mentre tutto intorno sparano i fuochi artificiali, tanto “l’evento” c’è, e il fatto che il pubblico non senta un cazzo è particolare secondario. Una volta, forse anche ora, c’è il cattivo esempio della scuola, dove non è lecito leggere una poesia con passione, ma bisogna recitarla a memoria, alla massima velocità  possibile. Ai miei tempi, ogni mio tentativo di dare un’intonazione al Pascoli veniva stroncato dall’insegnante con la frase: Benni, non siamo a teatro. Quindi ci sono precise regole di serietà  nell’incidere un audiolibro. Che non è solo la sommatoria di due grandi nomi, voce recitante e libro famoso, ho sentito bravissimi attori leggere e annoiare, perché pensavano più a far sentire la loro voce fascinosa che a comunicare il testo. Per questo a volte uno scrittore può leggere come o meglio di un attore. Perché ha rispetto della parola, conosce la sua fatica e la sua leggerezza, e ne sente tutta la responsabilità . Un audiolibro, specialmente con musica, va preparato con calma, letto e riletto. Ci abbiamo messo un anno a provare e poi a incidere la Terra Desolata di Eliot. Perché per renderne le diverse anime, era necessario trovare toni e musiche diverse. Una lettura ben fatta può spingere a conoscere le altre opere di quell’autore, un audiolibro affrettato, fa dell’autore un nemico. E questo vale per il teatro, ma anche nel quotidiano, quando un genitore legge un racconto a un bambino. Coraggio babbi e mamme! Un po’ di passione o il bambino dirà : se non piace ai miei genitori, perché mai dovrebbe piacere a me? Una lettura pubblica è riuscita se ricrea lo stesso silenzio che c’è nella lettura solitaria a lume di candela. Ovviamente ci sono testi quasi impossibili per un reading, ma la sfida è aperta. Bisogna reinventare il già  inventato. Quanto vidi e sentii Carmelo Bene leggere Esenin e Majakovskij, solo allora la forza della poesia russa mi si rivelò, e non l’ho mai dimenticato. Quando lessi la prima volta Queneau, mi fermavo pagina per pagina. Ho provato a leggerlo a voce alta, ma non ho più ritrovato quell’incanto. Quindi ben vengano gli audiolibri se spingono a leggere, e non sono solo un accumulo di nomi importanti, ben venga la narrazione orale se è appassionata, precisa, divertita, seducente. E per questo il talento non basta, ci vuole lavoro. Oppure qualsiasi nonno leggerà  meglio dell’attore di grido nella Notte bianca. In quanto a pretese battaglie ed eliminatorie, leggere contro ascoltare, libro contro immagine, televisione contro i giornali, suono vero contro campionatura, web contro il bar sotto casa, beh non sono poi battaglie così nuove, si ripetono da secoli. Una volta era melos e logos, pergamena e cantastorie, le seduzioni dell’intimità  e le avventure dell’universo. In realtà  c’è posto per chiunque abbia passione, pazienza e talento, nel grande mondo del narrare. E’ una sfida finale che non ha mai un finale. E se ne parliamo troppo non gronda sangue, ma stilla una lieve coltre di noia…


Related Articles

L’arte della pace

TOSCHI, CONTRO LA GUERRA NON SERVONO GAMBE BUONE. Malato di poliomielite, costretto in carrozzella, racconta la sua vera “abilità ”: lottare per gli ultimi

KEPEL: “IL RAP È LA VERA RIVOLUZIONE ARABA”

Lo studioso racconta in un libro uscito in Francia la sua esperienza di reporter nei luoghi delle rivolte

Etica e spazio, le intuizioni di Ugo Ischia

La città  giusta è il titolo della tesi di dottorato che Ugo Ischia discute nel 1996. Ha quarantuno anni e si accinge a dividere il suo impegno di urbanista tra l’insegnamento presso l’Istituto Universitario di Architettura di Venezia e la professione, oltre al lavoro di redattore alla rivista «Urbanistica».

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment