Social Forum: L’Europa alla periferia del mondo

“Pauvre Europe”, povera Europa: è l’esclamazione di un’attivista di una ong svizzera alla fine della conferenza stampa dell’ex presidente del Brasile Ignazio Lula da Silva e del presidente del Senegal Abdoulaye Wade alla place du Souvenir, durante l’undicesimo Forum sociale mondiale quest’anno a Dakar, la capitale del Senegal. I due in una sala gremita a un passo dal mare, hanno letto discorsi con concetti agli antipodi.
Lula promuove l’idea della nazionalizzazione delle imprese e dei beni comuni, vanta di aver tolto dalla soglia di povertà  28 milioni di persone e parla del passaggio dall’utopia di un mondo possibile alla sua realizzazione in Brasile. “Dilma farà  di più e meglio di me”, esclama rilanciando la sua delfina. Le uniche critiche tra tante ola sono quelle di un brasiliano che con un grande cartello lo invita a fermare la costruzione delle dighe.
Wade ha 84 anni dichiarati, uno Stato di quasi 12 milioni di abitanti che governa da undici anni e vorrebbe continuare a farlo anche da morto: infatti stanco e malaticcio tenta di piazzare il figlio. È conscio del suo potere, parla come un nonno al caminetto e tra i suoi successi annovera una legge sulla parità  di accesso per le donne alle elezioni (“alle elementari sono di più e fanno meglio, all’Università  le donne sono meno ma sono le più brave” cercando di evitare tutta la storia dei matrimoni organizzati quando le femmine hanno cinque o sei anni e quindi il fatto che all’età  in cui potrebbero fare gli studi superiori spesso hanno già  un paio di figli).
Insomma l’altro giorno è stato un Lula versus Wade pur nel balletto delle diplomazie e delle reciproche concessioni: “sono stato a Genova nel 2001 e condivido molte delle cose che il movimento dice ma resto un liberista”, dice Wade.
“Ho visitato il Senegal come presidente e sono stato all’isola di Gorèe dalla quale sono partiti gli antenati di tanti brasiliani”, dice Lula.
Dell’Europa non parla nessuno, a parte un accenno di Lula al fatto che le speculazioni sulle materie prime che hanno messo in ginocchio il nord Africa e sono la radice delle rivolte in Egitto e Tunisia, portano la firma degli Usa e dell’Europa. Ed è proprio quel non detto che dà  la chiave di lettura del Forum mondiale. L’Europa è periferica, non interessa a nessuno. Il movimento sociale, non solo la geopolitica, oggi è sull’asse del BRICs, Brasile-Cina e passa per l’Africa. L’Europa è periferica rispetto all’idea di Lula di trasformare la savana brasiliana e quella africana nel più grande granaio del mondo per dar da mangiare a tutti. Non interessa neppure al liberista Wade che pur stringendo rapporti economici e militari molto stretti con Sarkozy e la Francia, immagina liasons sempre più forti tra gli Stati africani e la suddivisione delle entrate del petrolio tra gli Stati africani che ce l’hanno e quelli che non hanno l’oro nero.
L’Europa è molto lontana a Dakar, quasi svanisce. Sarà  che i problemi sul tavolo qui sono tanti: sovranità  alimentare, autosufficienza senza importazioni, costruzione di reti di contadini contro gli espropri che avvengono sempre di più negli Stati dell’Africa Centrale a partire dal Mali, no agli ogm, no alle multinazionali, autonomia delle donne e soprattutto come mettere fine alla povertà  e alla fame.
Uno degli organizzatori del forum, Buuba Diop, professore di storia all’università  di Dakar, sostiene che l’Europa continua a contare come potenza economica, che se ne parla in qualche seminario e che Las Palmas è più vicina di quanto sembrerebbe. Ma alla fine risponde con un’altra domanda: “perché in Europa nessuno ha ancora pensato a organizzare un Forum mondiale?”. Forse dopo tanti Porto Alegre e poi Mumbai, Bamako, Caracas, Nairobi, sarebbe il caso che qualcuno trovasse una risposta.


Related Articles

Riesplode lo scandalo dei cambi sotto accusa i big bancari

 Usa Manovre sui prezzi delle valute, clienti danneggiati   

Euro, Il trilemma della Germania

Angela Merkel ha dichiarato eroicamente di voler fare «tutto il necessario» per salvare l’euro. Ho fiducia che ciò rifletta una sincera volontà  che l’euro resti su quella che lei ha definito «una strada da cui non si torna indietro».

Piazza San Gio­vanni. Su la testa

Per segnare la dif­fe­renza e la distanza tra chi oggi sarà in piazza San Gio­vanni a Roma e chi andrà ad applau­dire Renzi alle ex sta­zione Leo­polda di Firenze si potrebbe più sem­pli­ce­mente dire che da una parte sfi­lerà l’opposizione dall’altra il governo

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment