Risultati Chrysler “oltre le aspettative”. Marchionne esulta: “L’azienda è rinata”

NEW YORK – “Oltre le aspettative”: così l’amministratore delegato di Fiat e Chrysler, Sergio Marchionne, ha commentato i risultati della casa automobilistica americana, che prevede di archiviare il 2011 con un utile netto per 0,2-0,5 miliardi di dollari e ricavi per 55 miliardi di dollari, sottolineando che il cash flow sarà  positivo per un miliardo di dollari.

I risultati “conseguiti da Chrysler lo scorso anno, sia sul fronte dei prodotti sia sul fronte finanziario, hanno superato le aspettative”, ha detto Marchionne. “Abbiamo mantenuto la promessa di lanciare 16 nuovi veicoli negli ultimi 12 mesi. Questi veicoli sono la testimonianza della rinascita di Chrysler. Dati i positivi commenti ricevuti, possiamo dire che quanto conseguito da Chrysler lo scorso anno, sia sul fronte dei prodotti sia su quello finanziario, hanno superato le attese. Il nostro lavoro non è finito, abbiamo ancora molto da fare per adempiere agli obiettivi del piano quinquennale”.

Le vendite mondiali di Chrysler, di cui Fiat controlla il 25%, sono risultate pari a 347.000 unità  nel quarto trimestre, in calo del 7% rispetto alle 401.000 unità  del terzo trimestre. La perfomance operativa del quarto trimestre, rispetto ai tre mesi precedenti, è dovuta a un miglioramento delle efficienze industriali e della qualità . I ricavi sono calati del 2,3% a 10,7 miliardi di dollari rispetto al terzo trimestre in quanto Chrysler ha ridotto le consegne con il lancio della produzione di 11 nuovi veicoli.

Il gruppo automobilistico annuncia inoltre una perdita netta nel 2010 di 652 milioni di dollari, a fronte di 1,228 miliardi di dollari di oneri di interessi sul debito, mentre i profitti operativi si attestano a 763 milioni di dollari, in crescita rispetto al pareggio di bilancio annunciato 12 mesi fa. Il fatturato si attesta a 41,9 miliardi di dollari, in linea con le stime. Il cash flow è positivo per 1,4 miliardi di dollari, migliore di oltre 2 miliardi rispetto alle previsioni. Il totale della liquidità  disponibile del gruppo sale a 9,6 miliardi di dollari, inclusi 7,3 miliardi di dollari cash.

La quota di mercato negli Usa nel 2010 è salita al 9,2% dall’8,8% del 2009, mentre in Canada avanza dall’11% al 13%. Per il 2011 Chrysler si aspetta un utile netto tra i 200 e i 500 milioni di dollari, un profitto operativo di 2 miliardi di dollari, un fatturato di 55 miliardi di dollari, un cash flow di un miliardo di dollari e un Ebitda di 4,8 miliardi di dollari.


Related Articles

Banche venete: smentito Padoan, il salvataggio è costato 11,2 miliardi

Certificazione Eurostat. Smentito il ministro Padoan: il deficit aumenta di 4,7 mld e rischia di arrivare al 2,2% Servirà manovra correttiva?

La patrimoniale sui più ricchi esiste già  pagano il doppio o il triplo rispetto al 2011

Ecco il costo per i superbenestanti, tra Imu-seconde case, imposta di bollo sui risparmi e tributi sui beni di lusso. Il problema è che gli italiani che dichiarano redditi sopra i 300 mila euro sono pochissimi: appena 30 mila 

Borse in picchiata, Milano -4,7% L’Europa brucia 194 miliardi

Lo spread Btp-Bund torna sopra quota 480. Male anche Wall Street. Spaventano la crisi francese, il debito Usa e la Cina. Il Wto taglia le stime sul commercio globale 

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment