“Obiettivo del millennio già  raggiunto”: mezzo miliardo di persone fuori dalla povertà 

BRUXELLES – Quasi mezzo miliardo di persone sono uscite dalla povertà  tra 2005 e 2010, una cifra storicamente mai raggiunta prima in un lasso di tempo così breve: lo afferma un rapporto pubblicato da Laurence Chandy e Geoffrey Getz del Brookings Institute, istituto indipendente di ricerca con base a Washington D.C. I due ricercatori giungono a questa conclusione grazie a un aggiornamento delle stime sulla povertà  globale. La loro ricerca li porta anche a concludere che l’obbiettivo del Millennio definito dall’Onu di dimezzare il numero di poveri entro il 2015 è stato raggiunto nel 2007. Di conseguenza, affermano i due, entro il 2015 il numero dei poveri sarà  stato dimezzato ancora una volta, per raggiungere il 10% della popolazione mondiale, ovvero 600 milioni di persone che vivono con meno di 1,25 dollari al giorno.

Una riduzione drastica che, si legge nel rapporto, deriva soprattutto dal miglioramento delle condizioni di vita in Cina e India, le quali contribuirebbero al 75% della riduzione globale prevista per il 2015. I poveri presenti in Asia diventerebbero così soltanto un terzo del totale, mentre la quota dell’Africa più che raddoppierebbe, passando dal 28% al 60%. Ciononostante, la quota di poveri presenti nell’Africa sub sahariana è stata comunque ridotta a meno del 50%, e si prevede all’orizzonte 2015 un’ulteriore diminuzione fino al 40%.
È previsto poi un incremento del numero di poveri negli Stati più fragili: se nel 2005 questi ospitavano il 20% dei poveri globali, per il 2015 la quota prevista è del 50%. Il numero di paesi dove più di una persona su sei vive in povertà  dovrebbe scendere da 60 a 35, mentre si prevede che 19 paesi elimineranno definitivamente la povertà . “Anche se questi risultati possono suonare come una sorpresa per molti, non dovrebbe essere così – affermano i ricercatori – in quanto vi è stata una forte crescita nei paesi in via di sviluppo dall’inizio del nuovo millennio, rendendo una forte riduzione la povertà  sicuramente prevedibile”.

Tranne poche eccezioni –fanno  però notare gli autori della ricerca – la comunità  internazionale è stata lento a reagire al fenomeno. “Si sente parlare molto di più dei  64 milioni di persone gettate in stato di povertà  a causa della crisi economica che non delle centinaia di milioni che sono sfuggite alla miseria negli ultimi sei anni. È certamente giusto mantenere alta l’attenzione su questi temi, ma non bisogna dimenticare che ci sono anche motivi per gioire dei progressi fatti”. (mm)

 

© Copyright Redattore Sociale


Related Articles

Recchi all’Eni e Colombo all’Enel il Tesoro conferma Scaroni e Conti

Finmeccanica, tandem Guarguaglini-Orsi e Ghidella in cda. Rinnovo per Sarmi e Ialongo alle Poste, dove entra Maria Grazia Siliquini esponente dei Responsabili

Dopo i recuperi lo spread si riavvicina a quello spagnolo. Piazza Affari giù del 3,3%

Il presidente della Fed: negli Usa disoccupazione dolorosamente alta e ripresa molto fiacca Il ministro tedesco: i fondi europei con risorse pari a 800 miliardi riusciranno a convincere i mercati Il ministro francese: vogliamo che il «firewall» si avvicini a 1.000 miliardi di euro

Consob dà  il via libera a Unipol-Fonsai

Non c’è obbligo di Opa sulla Milano, manleva e recesso idonei. Sator contro l’Isvap

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment