Ecco i manager più pagati In Italia

L’intervento Consob ha carattere transitorio “in quanto le tematiche oggetto della comunicazione saranno definite in modo più sistematico nell’ambito delle misure regolamentari che la Commissione intende adottare nel corso del 2011, sentita la Banca d’Italia e l’Isvap per quanto concerne i soggetti rispettivamente vigilati, al fine di recepire le raccomandazioni europee in materia di remunerazioni dei manager”, spiega una nota. “L’obiettivo dell’intervento – afferma l’Autorità  guidata da Giuseppe Vegas – è di migliorare la trasparenza nei confronti nel mercato su aspetti della governance societaria che assumono particolare rilevanza nelle attuali fasi di mercato e sui quali, come è emerso dalle analisi compiute dalla Consob, le informazioni attualmente fornite dalle società  sono spesso incomplete, generiche e difficilmente comparabili”. In particolare sui piani di successione, materia al momento non regolata, secondo la Commissione “recenti vicende societarie hanno mostrato come sia importante per una società  prevedere un piano strutturato per la successione dei suoi amministratori esecutivi: l’esistenza di idonei piani di successione permette alle società  non solo di sostituire prontamente amministratori cessati dal loro incarico, assicurando continuità  e certezza alla gestione aziendale, ma anche di selezionare i migliori candidati alla successione”. La vicenda Unicredit non è direttamente citata ma il pensiero corre alla banca e al dopo-Profumo. In generale Consob prosegue affermando che “un piano di successione ben congegnato, infatti, dovrebbe individuare, per ogni posizione chiave nell’impresa, i criteri e le modalità  di selezione dei possibili candidati alla sostituzione, interni ed esterni. In assenza di tali piani, la sostituzione di amministratori cessati potrebbe non avvenire prontamente, generando discontinuità  e incertezza nella gestione aziendale, con conseguenze negative sia in termini di performance che di reputazione”. La Commissione ricorda la previsione di piani strutturati per la successione degli amministratori esecutivi è prevista in Regno Unito, Francia e Germania. Il parere e i commenti del mercato e dei soggetti interessati sulla bozza di comunicazione dovrà  pervenire in via Martini entro il 7 febbraio.

ECCO I MANAGER PIU’ PAGATI NEL 2009 – Ecco la classifica dei dieci manager più pagati nel 2009, sulla base dei dati di bilancio pubblicati nel 2010, secondo le elaborazioni del Sole 24 Ore. Tra parentesi la società  da cui deriva la parte più consistente degli emolumenti che, a volte, godono di ‘arrotondamenti’ legati alla presenza dei manager in più di un consiglio di amministrazione:
1) Carlo Puri Negri (Pirelli Re) – 15,2 milioni (di cui 14 milioni a titolo di buonuscita)
2) Claudio De Conto (Pirelli) – 7,3 milioni (di cui 4,95 mln per fine rapporto lavoro)
3) Marco Tronchetti Provera (Pirelli) – 5,9 milioni
4) Antoine Bernheim (Generali) – 5,58 milioni
5) Luca Cordero di Montezemolo – 5,1 milioni (Ferrari)
6) Mauro Pessi (Brembo) – 5,1 milioni
7) Sergio Marchionne (Fiat) – 4,78 milioni
8) Pier Francesco Guarguaglini – 4,7 milioni (Finmeccanica)
9) Paolo Scaroni (Eni) – 4,4 milioni
10) Alessandro Profumo (Unicredit) – 4,26 milioni.


Related Articles

Edf vuol comprare Edison senza fare l’Opa

Nuova proposta sul tavolo A2a. Tabacci: “Una boutade”. Tarantini: “Irricevibile”.  L’utility transalpina rivede al ribasso l’offerta del marzo scorso bloccata dal governo

Fisco, recupero record. Renzi: «80 euro anche alle partite Iva»

Lotta all’evasione. Rientrati nelle casse dello Stato 25,8 miliardi di euro

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment