Un conflitto sul cacao

In effetti i futures del cacao sono schizzati in alto nell’ultima settimana, da quando è esplosa la crisi politica nel paese africano: 3.140 dollari per tonnellata a New York (Ice), e 2.081 sterline sulla piazza di Londra (Liffe). E Jean-Marc Anga, capo della International Cocoa Organization (Icco), forum mondiale dei produttori di cacao – lui stesso ivoriano – ha dichiarato ieri alla Reuters che non si tratta di speculazione: «E’ una delle rare volte in cui l’aumento dei prezzi può essere attribuito ai fondamentali del mercato». Il porto di Abidjan è operativo (anche se solo di giorno), riferisce, ma le condizioni della popolazione nelle zone delle piantagioni fanno tenere per l’immediato futuro dei rifornimenti. «La gente teme per la propria vita e si sta muovendo con cautela, per salvarsi».
Il cacao non è secondario, nella crisi ivoriana. Ricapitoliamo. In novembre la Costa d’Avorio ha tenuto elezioni presidenziali, sotto il monitoraggio dell’Onu che ha un piccolo contingente di pace nel paese. Secondo la Commissione elettorale il ballottaggio, il 28 novembre, ha dato il 54% al candidato d’opposizione Alassane Ouattara – ex premier durante il lungo «regno» di Felix , il primo presidente post-indipendenza, poi ex funzionario del Fondo monetario internazionale. Due giorni dopo il Consiglio costituzionale ha invalidato migliaia di voti nelle province del nord (la zona d’origine di Ouattara) e dichiarato vincitore il presidente uscente, Laurent Gbagbo – ex sfidante di Houphouet-Boigny, nazionalista socialisteggiante. Ora entrambi si hanno giurato come presidenti, e ciascuno ha nominato il suo governo. L’Onu considera regolarmente eletto Ouattara (lo ha ribadito proprio ieri), il quale ha anche il sostegno della forza ex-ribelle che tuttora controlla il nord del paese. Gbagbo ha però il sostegno dell’esercito, oltre che della popolazione del sud abitata in maggioranza dal suo ceppo etnico, i Bete. In sostanza, i due rappresentano le parti che si erano combattute nel 2002-2003: le elesioni dovevano sugellare una riconciliazione nazionale, ma è successo proprio il contrario.
E il cacao? Gbagbo ha promesso di raddoppiare la produzione, attualmente di 1,2 milioni di tonnellate annue, e rimodernare il settore in linea con le condizioni fissate da Fmi e banca Mondiale. Ouattara ha pure promesso di rimodernare il settore, e assicurare ai produttori metà  del prezzo internazionale. Insomma, entrambi corteggiano i produttori di cacao. Ma nella regione centro-occidentale delle piantagioni la tensione è salita nelle settimane scorse: i coltivatori – gruppo etnico Baoule, il cui candidato è stato eliminato al primo turno – hanno appoggiato Ouattara. Poi è cominciata la campagna di minacce contro i braccianti, stagionali che arrivano soprattutto dal nord o da paesi vicini. Sono cominciate le intimidazioni. I braccianti sono fuggiti e i coltivatori, prima corteggiati, ora sono ostaggio del conflitto imminente.


Related Articles

Perché l’articolo 18 va difeso e riguarda tutti

Tre considerazioni sull’art. 18. Costruire il lavoro “usa e getta” serve ad abbassare i salari (il massimo sarà 900 euro al mese) e, comprimendo i diritti dei singoli, azzererà quelli collettivi, accentuando lo sfruttamento e l’impoverimento

Il governo peruviano tende la mano agli indigeni

Si tratta delle popolazioni ‘incotattate’, ossia rimaste isolate dal resto del mondo e in totale armonia con la foresta, che rischiano la morte per l’avidità  dei tagliatori di legna

L’Italia senza futuro: sempre più giovani a casa con i genitori

Generazione precaria. Sono il 67% degli under 35 secondo Eurostat, 20 punti sopra la media Ue. Soprattutto maschi, molti hanno già un lavoro. Oltre 40 mila bambini nascono da mamme over 40: è anche questo un nostro «primato» nel continente

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment