Il grande risiko africano degli sceicchi sauditi

INVIATO A RIYADH. «Questo è il futuro. Riusciamo a produrre una tonnellata di erba medica con un metro cubo d’acqua». L’ingegner Mofareh Aljahbli quasi si commuove mentre mostra la camera idroborica in cui fa crescere i suoi prodotti: un container di metallo, dentro al quale sono impilate tante vaschette di plastica piene di semi. Grazie alla circolazione dell’acqua e all’ambiente umido, i semi germogliano a una velocità  incredibile. «Il prodotto è pronto in una settimana. Abbiamo cominciato a gennaio e gli affari già  vanno a gonfie vele».
Siamo a Kharj, cittadina polverosa a un’ora di macchina da Riyadh, capitale dell’Arabia Saudita. Un posto dove la pioggia è un evento eccezionale e l’acqua una merce rara. Eppure, nonostante la scarsità , il paesaggio intorno all’azienda di Aljahbli è una teoria di appezzamenti agricoli di piccole e medie dimensioni. Producono, come tante oasi verdi in mezzo al deserto, zucchine, melanzane, broccoli. Sono nate negli anni ’70, quando il governo del regno ha cominciato a sovvenzionare l’agricoltura locale per garantirsi la sicurezza alimentare e non dipendere troppo dagli aiuti esteri.
Gli sceicchi accaparratori
Un sistema di produzione costosissimo, finanziato a botte di petrodollari, che sfrutta l’acqua di una falda sotterranea. Lanciato dopo lo shock petrolifero del 1973, quando il presidente Usa Jimmy Carter rispose a Riyadh, che aveva interrotto l’erogazione di oro nero, minacciando il blocco del cibo, il programma ha raggiunto livelli strabilianti: nel 1984 l’Arabia Saudita ha raggiunto l’autosufficienza, imponendosi addirittura negli anni successivi come un importante esportatore di grano nel Medioriente.
Oggi, il vento è cambiato. I responsabili sauditi si sono accorti che l’acqua è una fonte esauribile, esattamente come il petrolio. Privo di laghi e di fiumi, il regno scava sempre più in profondità  per garantirsi il prezioso oro blu. E il governo ha pensato che il gioco non vale più la candela. Ha deciso così di bloccare gradualmente la politica di sussidio al grano, che sarà  completamente abbandonata entro il 2016. Nel contempo, ha avviato una nuova strategia per garantirsi la sicurezza alimentare: cercare terre all’estero, in paesi con un potenziale agricolo ma con scarse risorse per sfruttarlo. La King Abdullah Initiative for Agriculture Investments Abroad (Kaiaia) è stata lanciata in pompa magna nel gennaio 2009 per stimolare – grazie a prestiti agevolati e ad altre forme di facilitazioni – investitori sauditi interessati a esplorare i mercati esteri.
Tutto è cominciato con la crisi alimentare del 2007-2008. Se nelle piazze del sud del mondo sono scoppiati un po’ ovunque moti per la fame per l’aumento dei prezzi del cibo, un silenzioso tsunami ha attraversato anche i palazzi che contano della Penisola arabica. Gli uomini al potere in Arabia Saudita, ma anche in Qatar, in Bahrein e negli Emirati arabi uniti, sono rimasti scottati dal bando alle esportazioni decretati da diversi paesi – fra cui l’India, il Vietnam, la Thailandia. Hanno capito che il mercato poteva tradirli, anche se avessero avuto una disponibilità  infinita di fondi. Hanno così pensato di proteggersi affittando terre altrove ed esternalizzando di fatto la propria produzione. Prodotti agricoli di prima scelta sono coltivati in Etiopia o in Sudan e trasportati in aereo nella Penisola arabica. L’iniziativa è partita, attirandosi gli strali delle organizzazioni non governative e di vari movimenti contadini, che accusano gli sceicchi di neo-colonialismo agrario.
«Diversificare la provenienza»
«Ma quale neo-colonialismo. Noi portiamo investimento e sviluppo. Stabiliamo delle partnership», si è infiammato il vice-ministro dell’agricoltura Abdullah A. Al-Obeid a margine di una conferenza per investimenti Golfo-Africa che si è tenuta recentemente a Riyadh. Al-Obeid ha fatto parte delle varie delegazioni di ministri e di accademici che si sono recati in visita nei paesi più interessanti, sai dal punto di vista della vicinanza geografica che da quello delle possibilità  di investimento, dall’Etiopia al Sudan, dall’Ucraina alle Filippine. Dopo il lancio dell’iniziativa, i primi accordi sono stati firmati, i primi progetti avviati, anche se siamo ancora in una fase embrionale. Nella conferenza di Riyadh si è discusso proprio di questo, con diversi ministri di stati africani venuti apposta per offrire le proprie terre agli sceicchi sauditi (si veda l’altro pezzo nella pagina).
Ma non tutti nel regno sono convinti che quella lanciata dall’anziano monarca Abdullah sia una buona iniziativa. «In realtà  il programma non può funzionare», assicura Fawaz Al Alamy, ex ministro del commercio e membro del team che ha negoziato l’ingresso dell’Arabia Saudita nell’Organizzazione mondiale del commercio (Wto) nel 2005. Oggi responsabile di un’azienda che vuole imporsi come distributore di materie prime alimentari prodotte altrove grazie ad accordi mirati con grandi società  dell’agrobusiness (come l’americana Cargill), Al Alamy considera molto più producente «diversificare la provenienza degli alimenti, senza affittare direttamente nei paesi. Ogni paese può, in caso di scarsità  di cibo, bloccare le esportazioni». Al Alamy non critica direttamente il re, ma dice di considerare il programma «non interessante per un investitore privato e troppo rischioso». «Io di mio non ci metterei un centesimo», dice seduto nel suo ufficio mentre mostra una presentazione in power point degli obiettivi strategici della sue società  di distribuzione.
Al Alamy non è solo. Molte persone tradizionalmente impegnate nel settore dell’agricoltura rimangono sulla difensiva. Ad essersi lanciati nella corsa alle terre all’estero sono soprattutto personaggi non precedentemente coinvolti nel settore agricolo. È il caso di Mohammed Al-Amoudi, il miliardario etio-saudita che ha preso in affitto alcune centinaia di migliaia di ettari in Etiopia per produrre riso e ortaggi. Le sue entrature con il primo ministro Meles Zenawi e con l’Ethiopian people’s democratic party (Eprdf), il partito al potere, non sono estranee al suo nuovo interesse negli investimenti agricoli.
«Al Amoudi è etiope e ha legami più che solidi con il partito al potere. Queste sono le sue garanzie», fa notare Turki Faysal el Rasheed. Direttore della Golden Grass, azienda che da quasi trent’anni è impegnata nel comparto agricolo, questo businessman elegante dall’inglese impeccabile è anche lui poco convinto dalla politica di leasing all’estero. «Non è sicuro. Chi ti dà  la certezza che il contratto non sia rivisto e che il paese ospite non ti impedisca improvvisamente di esportare?». Inoltre, aggiunge Rasheed, «l’agricoltura ha una funzione sociale. Se lo stato non investe nelle comunità  rurali, queste si svuotano degli abitanti, che emigrano verso le città . Il che fa aumentare la povertà  urbana, la criminalità , la prostituzione». «Io penso – conclude – che il governo dovrebbe lavorare su due linee: una locale e una internazionale, assicurandosi l’aprovviggionamento diversificato e senza però fare leasing diretti».
Il dibattito resta aperto. Ma la linea ufficiale per il momento è quello di re Abdullah, che ci ha messo la faccia e i soldi: bisogna cercare accordi di acquisizione o di gestione diretta di terra all’estero. «Mentre il governo e gli imprenditori vicini alla famiglia reale vanno a caccia di buoni affari oltre-confine, noi ci ingegniamo per aumentare la produttività  in casa», lamenta Aljahbli, l’ingegnere della camera idroborica. «Ho mostrato la tecnica al ministro dell’agricoltura. Ne è rimasto entusiasta, ma poi non è successo niente. Perché la politica ufficiale ormai è una sola: investire all’estero». Ma poi, accarezzando le sue piantine, mostra uno scatto d’orgoglio: «Io comunque continuo a produrre e a fare profitti, anche senza l’aiuto dello stato. Prima o poi si accorgeranno che questo è il futuro».

****************************
RIYADH Agricoltura al centro della conferenza sugli investimenti della penisola arabica in Africa
«AAA, affittasi terre fertili a un dollaro l’ettaro»
(s. li.)
RIYADH
«Questa è la tabella dei nostri prezzi. L’affitto costa 1 dollaro all’ettaro». A parlare è il ministro dell’agricoltura del Mozambico José Pacheco. Dopo aver fatto una presentazione in dettaglio dei vantaggi del suo paese – clima straordinario, porti attrezzati, governo stabile, ambiente favorevoli agli investitori stranieri, ettari di terra non coltivata – il ministro cerca di assestare il colpo finale agli indecisi rendendo noti i prezzi da super-saldo per l’affitto delle terre.
Siamo a un panel sull’agricoltura alla conferenza Gulf-Africa Investments, che si è tenuta a Riyadh il 4 e il 5 dicembre scorso. Il pubblico è composto da funzionari dei paesi della Penisola arabica, qualche investitore privato e molti ministri e funzionari africani. I mozambicani non sono i soli a mettere sul piatto il loro potenziale agricolo. Appena Pacheco finisce di parlare, prende la parola un responsabile dell’agenzia degli investimenti etiopi. «Noi abbiamo promosso da ormai tre anni investimenti nell’agricoltura. Abbiamo messo sul mercato tre milioni di ettari di terra non utilizzata. Il clima nel nostro paese è ottimo, la produttività  dei campi altissima, le leggi molto favorevoli agli investimenti. I canoni di affitto variano da zona a zona, ma in alcune regioni possiamo affittare la terra a 0,50 dollari l’anno».
Non ha ancora finito di parlare il funzionario del ministero dell’agricoltura e dello sviluppo rurale di Addis Abeba che si alza una mano dall’altra parte della sala. A prendere la parola è un sottosegretario della Repubblica centrafricana. «Il nostro paese è ricco di terre da sfruttare. Non abbiamo un accesso al mare, ma prevediamo grandi facilitazioni per investitori interessati a venire da noi. Stiamo costruendo molte infrastrutture e, per i primi che verranno e chiederanno in affitto terre, siamo disposti a un canone di assoluto favore: zero. Diamo la terra in prova completamente gratis».
Questa piccola asta che si è tenuta all’Hotel Intercontinental di Riyadh è lo specchio di quanto sta avvenendo sul terreno in molti paese africani. Dove i governi, che spesso sono formalmente proprietari delle terre, danno in affitto a prezzi stracciati decine di migliaia di ettari a investitori stranieri, che si dedicheranno prevalentemente alla coltivazione di prodotti destinati all’esportazione.


Related Articles

I contratti a termine sono sette su dieci

Bene l’Aspi, arretra l’apprendistato la riforma Fornero del mercato del lavoro non ha funzionato. È questo, in sintesi, ciò che emerge dal primo rapporto di monitoraggio, previsto dalla riforma stessa, diffuso ieri dal ministero del Lavoro.

Myanmar. Oltre 160 morti sul lavoro, crolla una miniera di giada

Ambiente e lavoro. A Phakant, area sottoposta a disastri ambientali per gli interessi di privati e militari

Ogni giorno mille donne e duemila neonati non sopravvivono al parto

Il 12esimo rapporto di Save the Children: 3 milioni di bambini non superano il primo mese di vita, 8 milioni non arrivano a un anno. Neri: “Garantendo la presenza di un’ostetrica sarebbe possibile salvare 1,3 milioni di bimbi”

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment