Energia, veti incrociati Authority in alto mare

MILANO – Passa in Consiglio dei ministri la nuova disciplina sulle energie rinnovabili. Non passa, invece, l’accordo tra le forze politiche per la nomina del nuovo presidente dell’Autorità  per l’Energia e il gas.
In un clima politico che si surriscalda sempre più mano a mano che si avvicina al voto di fiducia del prossimo 14 dicembre, diventa sempre più complicato trovare un sostituto per Alessandro Ortis, il presidente dell’Autorthy il cui mandato scade, guarda caso, proprio a metà  mese. Il rischio è che – a causa dei veti incrociati – un settore di importanza strategica per il paese rimanga senza guida, in una fase molto delicata della crisi. Come dimostrano anche le polemiche sollevate dalle associazioni delle aziende che operano nel fotovoltaico contro le nuove norme varate ieri da Palazzo Chigi. Ma non solo: entro il primo gennaio, ad esempio, devono essere fissate la nuove tariffe per le bollette del metano e dell’elettricità , il che non potrebbe avvenire in assenza di un nuovo presidente.
Ieri il Consiglio dei ministro ha preso atto dell’indisponibilità  di Antonio Catricalà  a lasciare l’Antitrust con un anno e mezzo di anticipo, visto che sia i finiani sia una parte del Pd si sono dichiarati pronti a non votare i nuovi componenti dell’Autorità  dell’Energia se non fosse stato individuato anche il nuovo vertice della Concorrenza. Il ministro dello Sviluppo economico Paolo Romani ha così dovuto dichiarare che «ora andrà  concordata una rosa di nomi che possa essere approvata dalle commissioni parlamentari».
Ma i nuovi nomi avanzati per la presidenza nei corridoi della politica romana (l’attuale capo dipartimento per l’Energia del ministero dello Sviluppo economico, Guido Bortoni e Massimo Beccarello, capo del settore utility di Confindustria) potrebbero non venir proposti proprio per evitare di essere bruciati in questa fase. Secondo i ben informati, fino al voto del 14 dicembre qualsiasi prova di forza del governo rischia l’effetto boomerang e potrebbe far convergere i voti dei finiani e delle opposizioni per mettere ulteriore pressione all’esecutivo Berlusconi. Una congestione che potrebbe essere superata dal Consiglio di Stato cui l’attuale presidente Ortis si è rivolto per chiedere un parere sulla possibilità  di una prorogatio e in quali termini: una decisione è attesa per il 7 dicembre.
Rimangono le polemiche contro il decreto del governo sulle rinnovabili. Per il presidente di Assolare Gianni Chianetta «la grave limitazione posta per gli impianti fotovoltaici a terra realizzati su aree agricole prevista dal decreto è un pesante freno allo sviluppo del settore». Positivo, invece, il giudizio del presidente di Aper (associazione produttori energie rinnovabili) per il «superamento del regime dei certificati verdi».


Related Articles

«Nessun buco in bilancio» È guerra fra Maxxi e governo

Piove a dirotto ma davanti al Maxxi, museo nazionale delle arti del XXI secolo, una selva di ombrelli neri annuncia un nutrito pubblico.

“L’articolo 18 pilastro di civiltà  Palazzo Chigi non lo modificherà ”

Camusso: la vera occupazione è a tempo indeterminato   Le parole del premier Monti contengono una novità . Per la prima volta parla di negoziato tra l’esecutivo e le parti sociali Finora non si era mai posto in questi termini. Diremo no al contratto unico perché contiene un inganno Introduce solo un nuovo modello senza colpire la proliferazione della flessibilità  

Il G20 demolisce l’austerity: «Politica elastica»

WASHINGTON. Braccio di Ferro era forte perché mangiava tanti spinaci. Peccato però che il padre di Popeye, Crisler Segar, si fosse basato su una teoria sbagliata, dovuta a un errore tipografico del chimico tedesco von Wolf, che per aver mal collocato una virgola aveva attribuito agli spinaci nel 1870 un tenore in ferro dieci volte superiore alla realtà  (la smentita è arrivata con un articolo del chimico T.J.Hamblin, pubblicata cent’anni dopo, nel 1981, sul British Medical Journal ).

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment