Unicef: “Lotta al razzismo, adolescenti italiani più sensibili degli adulti”

ROMA – In occasione del lancio della campagna di sensibilizzazione “Io come Tu”, a favore dell’uguaglianza di tutti i bambini e gli adolescenti in Italia, l’Unicef Italia ha presentato oggi un’indagine on-line da cui emerge che gli adolescenti sono più sensibili degli adulti per la lotta al razzismo. La presentazione si è svolta nell’ambito delle celebrazioni per la Giornata nazionale per i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza organizzate dalla Commissione parlamentare per l’infanzia a Montecitorio.

L’indagine ha coinvolto due tipologie di campione differenti (400 adolescenti dai 14 ai 17 anni e 400 adulti over 18). Se il razzismo è un tema percepito come esistente tanto nei ragazzi, quanto “nei più grandi”, sono i giovanissimi con il 35,3% del campione, a sottolineare maggiormente l’importanza del valore dell’uguaglianza, riservano un secondo posto alla causa, dopo i diritti umani, rispetto ai diritti fondamentali.

Diversa è invece la scala delle preferenze degli adulti, per i quali il principio dell’uguaglianza occupa una posizione secondaria (21,3%) rispetto al diritto alla salute (42,5%) e al lavoro (29,8%). E in quanto a lotta al razzismo, ancora una volta, la preoccupazione sembra essere più giovanile (12%) che del mondo adulto (3%). Per quasi la metà  dei ragazzi intervistati (47,8%) razzismo non equivale soltanto ad atti di violenza, ma a rifiuto ed  emarginazione verso persone di altra etnia, religione e altro. Del razzismo gli adolescenti hanno un’esperienza sia indiretta (55,6%), principalmente mediata da giornali, sia tangibile e quotidiana, (46,9%) riferibile a contesti scolastici come altri contesti urbani,  mentre l’esperienza diretta per gli adulti è dichiarata solo dal 33,5% del campione.

Ma se per tutti le opinioni relative alla tematica affrontata si formano principalmente attraverso l’educazione familiare, opposta  è tra le due diverse generazioni la percezione delle cause di razzismo: colpa soprattutto dell’ignoranza di alcuni italiani per i più piccoli (35,8%) e attribuzione di responsabilità  ai comportamenti sbagliati di alcuni stranieri (35,9%). Per tutti, il fenomeno del razzismo è stabile e tendente all’aumento, ma la buona notizia è che sia per gli uni, sia per gli altri, è assolutamente un fenomeno reversibile se esiste la partecipazione di tutti. (Lucia Ghebreghiorges)

 © Copyright Redattore Sociale


Related Articles

Rimpatri, due voli al giorno e blocco navale

Il piano del premier. Ma il Viminale frena: i nostri mezzi inadeguati a intercettare i barconi

Vi racconto l’America nera ecco perché esplode Ferguson

La scrittrice afroamericana racconta in esclusiva per “Repubblica” il suo lungo viaggio attraverso il razzismo. Gli immigrati neri: un tempo sono stata una di loro. Non lo sono più. Sono una nera americana, ma anche una nera afroamericana

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment