Territori palestinesi: emergenza acqua, un ulteriore ostacolo alla pace

L’accesso ad acqua corrente però varia decisamente da zona a zona, da città  a città  e da comunità  a comunità . A tal punto che, solo nel 16 per cento dei casi (100 delle 708 comunità  palestinesi), i litri disponibili pro capite sarebbero superiori alla quantità  minima indicata dall’organizzazione internazionale. Come riportato dall’organizzazione Palestine Monitor, associazione a tutela dei diritti umani, nel 7 per cento delle comunità  palestinesi (43 pertanto), invece, i litri mediamente disponibili al giorno sarebbero 30 o addirittura meno, nel 36 per cento (225 comunità ) tra i 30 e i 50, nel 41 per cento dei casi (264 comunità ) tra i 50 e i 100.

Dati preoccupanti? Non sono gli unici. La statistica, infatti, si riferisce solo al 69 per cento delle comunità  palestinesi, quella percentuale insomma, che risulta essere connessa a risorse idriche. E i restanti abitanti della Cisgiordania? Per loro niente tubature. Certo, l’acqua si può pur sempre comprare da distributori privati (il cui prezzo sarebbe aumentato fino al 200 per cento rispetto a quello di alcuni anni fa) oppure ci si può accontentare di sorgenti naturali e acque piovane.

Mancanza d’acqua. Ma a complicare la situazione umanitaria, già  compromessa da difficoltà  economiche e conflitti, ci si mette, poi, anche il fattore qualità . Il massiccio utilizzo di pesticidi e fertilizzanti nel settore agricolo, come denunciato da Palestine Monitor, e l’assenza di un sistema di fognature idoneo, comprometterebbe, infatti, anche la qualità  delle acque a disposizione della popolazione. La Striscia di Gaza, dove grazie alla desalinizzazione i litri pro capite sarebbero 140, solo il 7 per cento è conforme agli standard indicati dall’OMS. Le conseguenze? Problemi intestinali e malattie come colera, epatite e febbre gialla, registrate negli ospedali locali.

Ma non è finita. I vicini israeliani, a differenza delle comunità  che risiedono nei Territori occupati, hanno un consumo pro capite di circa tre volte superiore a quello palestinese. E, due terzi delle acque utilizzate provengono da sorgenti condivise con i palestinesi. Qualche problema nella distribuzione? Sembrerebbe. Israeliani e palestinesi utilizzano due sistemi: uno sotterraneo, lungo circa 130 chilometri lungo il confine tra Israele e Cisgiordania, è suddiviso in tre “sotto-acquedotti”. Come denunciato da Palestine Monitor, il primo viene utilizzato al 95 per cento da Israele, il secondo, situato quasi interamente in Territorio palestinese, al 70 per cento da Israele, e il terzo- anche questo in Cisgiordania- al 37 per cento da Israele. O meglio, dai coloni israeliani che risiedono in Cisgiordania.

E il sistema del fiume Giordano con i suoi 330 chilometri di risorse sotterranee? Acque non disponibili per i palestinesi. Secondo l’associazione Israele limita l’accesso alle risorse sia tramite vie legali, che tecniche e fisiche. L’accesso alle risorse idriche, in quanto considerate beni di proprietà  pubblica e pertanto israeliana, è reso difficile, se non impossibile, da procedimenti amministrativi lunghi e complicati. Per costruire un pozzo, o ripararne uno esistente, ad esempio, prima di ottenere un permesso si passerebbe, sempre secondo quanto riportato da Palestine Monitor, per 18 fasi diverse in dipartimenti amministrativi separati. E ad ogni pozzo verrebbero poi imposti limiti in termini di quantità  estraibile. In molti casi, inoltre, i palestinesi non avrebbero comunque accesso alle fonti in quanto l’espropriazioni di terreni, soprattutto nelle aree ricche di acqua, come al valle del Giordano, sarebbero frequenti.

“Una moltitudine di problemi e difficoltà  nel migliorare uso e sfruttamento delle risorse limitate disponibili” – sono questi i termini in cui l’associazione descrive le conseguenze delle politiche israeliane dal 1967 in poi in relazione alla questione dell’accesso all’acqua da parte dei palestinesi.

“Nonostante la mancanza di attenzione nei confronti della questione dell’acqua rispetto ad altri aspetti centrali, trovare una risoluzione giusta è importante al pari di giungere a una pace duratura, a uno Stato palestinese, alla rimozione delle colonie e dei checkpoint. Le difficoltà  che circondano questo argomento potrebbero differenziarsi in maniera unica dalle altre questioni in quanto l’utilizzo delle acque, la sua conservazione e produzione danno a Israele e Palestina l’opportunità  di collaborare per risolvere una problematica comune in maniera scientifica piuttosto che in un’atmosfera politicizzata” – dichiara Palestine Monitor. “Un’opportunità ”, come viene espresso in conclusione, “non ancora colta”.

Michela Perathoner
(Gerusalemme – inviata di Unimondo)


Related Articles

I rom chiedono aiuto contro i raid

COSENZA Aggressioni e pestaggi, lettera aperta degli abitanti del campo di Vaglio Lise

Cuba, verso l’abolizione Usa, meno esecuzioni

PENA DI MORTE · In declino nell ultimo decennio

‘I poliziotti mi hanno picchiato’

 Guarda il verbale di pronto soccorso

Caso Shalabayeva: la diagnosi che si legge nel verbale di pronto soccorso del 30 maggio di Bolat Seraliyev (cognato di Ablyazov) parla di trauma cranico facciale. Ma ieri il vicepremier ha sostenuto che nelle foto segnaletiche non c’era nessuna lesione

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment