La locomotiva tedesca ha il fiato corto

La Germania si ritrova sola, non politicamente ma economicamente. In nessun’altra potenza occidentale si intravedono i segni di una ripresa simile a quella della Repubblica Federale.

La spaccatura tra la Germania e il resto dell’Eurozona diventa sempre più profonda. I manager delle imprese tedesche guardano al futuro carichi di speranza, ma i loro colleghi europei vedono un panorama a tinte fosche, secondo i dati pubblicati ieri dall’Ifo (Istituto tedesco di ricerca economica). Ma la ripresa tedesca potrebbe essere frenata proprio dalla sua solitudine.

Il boom delle esportazioni è destinato a perdere il suo slancio se i mercati di sbocco si trovano in una congiuntura negativa. Gli esportatori tedeschi guardano ai loro mercati tradizionali e non vedono nulla di buono. Il quadro dell’economia mondiale tracciato dall’Ifo mette in luce una contrazione in Nordamerica e in Asia. E l’Europa occidentale cresce solo perché la spinta della Germania copre i problemi degli altri paesi.

 I fattori di rischio sono diversi per ogni paese. Negli Stati Uniti, nonostante misure economiche senza precedenti, la crescita non è ancora abbastanza stabile da creare i posti di lavoro necessari alla ripresa. La disoccupazione rimane vicina al dieci per cento, erodendo i consumi, che finora hanno costituito il cuore dell’economia.

La seconda economia mondiale, la Cina, ha invece un problema opposto: il mercato immobiliare rischia di surriscaldarsi per eccesso. Per questo il governo sta mettendo un freno al credito. Nei primi cinque mesi dell’anno la Cina è stato il settimo maggiore acquirente di beni tedeschi. In testa c’è la Francia, seguita da Usa, Paesi Bassi e Gran Bretagna. Ai cinque posti successivi si piazzano paesi europei. Tutti paralizzati nella stessa situazione: la battaglia contro l’indebitamento sta bloccando la crescita.

In tutta Europa nei prossimi mesi si esauriranno i fondi speciali per fronteggiare la crisi, sostituiti da brutali misure di risparmio come quelle che hanno già  affondato la Grecia nella recessione. Persino in Gran Bretagna gli economisti lanciano l’allarme: il nuovo governo, con il suo duro pacchetto di tagli, rischia di bloccare sul nascere l’inattesa congiuntura positiva del primo semestre.

Anche in Europa orientale si cominciano ad ammassare le nubi: in Polonia, il decimo partner commerciale della Germania, produzione industriale e costruzioni sono in forte calo. “Un dimezzamento della crescita nell’intera regione”, pronostica Rainer Singer, esperto est-europeo della Ersten Bank di Vienna.

Le esportazioni, motore dell’economia tedesca, nei prossimi mesi metteranno la marcia indietro. “A causa della crisi globale, e soprattutto della persistente debolezza dell’Eurozona, già  dal prossimo autunno la crescita subirà  un sensibile rallentamento”, avverte Gustav Horn, direttore dell’Imk, istituto di ricerca economica vicino ai sindacati.

Tutti i segni congiunturali sembrano indicarlo. La ripresa tedesca ha preso il solito corso: alle esportazioni seguono gli investimenti e un aumento dei consumi. Quanto è stato tirato il freno già  nel secondo quadrimestre lo sapremo oggi, quando l’Ufficio Federale di Statistica pubblicherà  i dati ufficiali della crescita da aprile a giugno. (traduzione di Nicola Vincenzoni)


Related Articles

C’è chi vuole il « Gre­xit », e non è ad Atene

Trattative. Con la proposta accolta dalla Ue il governo greco aveva esaurito i limiti che si era posto

Alla resa dei conti

«Un italiano su 4 è povero? Alzi la mano chi di voi lo è. Nessuno». A porre la domanda, soddisfatto che nessuno si sia dichiarato povero – mentre l’Istat sostiene che quasi il 25% degli italiani lo è o è a rischio di diventarlo – è stato un nervosissimo Giulio Tremonti – in stile barzellettiere mutuato da Berlusconi – imbufalito con i padroni di casa, i magistrati della Corte dei conti. Tutta gente ai quali soldi non ne mancano visto le buste paga da 100 mila euro netti in su all’anno.

Rallenta l’economia americana nel 2011

Pil e consumi crescono meno del previsto. G8, timori Usa per euro e debiti sovrani. L’euro forte e il dollaro debole fanno impennare le esportazioni degli Usa: più 9,2%

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment