Attentato di Mogadiscio: le testimonianze

L’attentato di Al Shabaab all’hotel Muna di Mogadiscio, quaranta morti e centocinquanta feriti il bilancio provvisorio, può essere letto come segno che l’opposizione islamica lancia l’assalto finale oppure come gesto disperato, o cambio di strategia, di fronte alla controffensiva dei filogovernativi.Il 23 agosto era stato proprio il portavoce dell’Amisom, Ba-Hoku Barigye, a sostenere questa seconda tesi, attraverso una dichiarazione in cui parlava di posizioni strategiche riconquistate. L’indomani è arrivato puntuale l’attentato.

Abbiamo raccolto due testimonianze da Mogadiscio che rispecchiano le interpretazioni possibili. Una sola cosa è sicura: il bilancio delle vittime civili degli ultimi scontri è molto alto e la gente di Mogadiscio non ha la chiara percezione di cosa stia succedendo.

Dall’ospedale Medina: 71 feriti in un giorno

 Soprattutto vittime civili


Related Articles

Siria. Newroz di liberazione, l’Isis fuori dall’ultima enclave di Baghouz

Siria. Le forze multietniche guidate dai curdi liberano Baghouz. Ma Daesh non è sconfitto: restano cellule attive nel paese e filiali dall’Africa all’Asia centrale

Colombia. La Corte Costituzionale dà un duro colpo alla pace 

La Corte Costituzionale colombiana ha approvato una revisione del cosiddetto “Fast Track”, la procedura legislativa che permetteva al Congresso di approvare in blocco le leggi nate dall’Accordo di Pace

Ramallah in lutto, monta la rabbia da Terza Intifada

La ricerca dei 3 israeliani rapiti diventa un’operazione anti-Hamas I palestinesi piangono i loro morti. E la piazza comincia a sollevarsi

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment