Il Senato americano approva la riforma della finanza

  Il Senato americano ha votato la riforma del sistema finanziario. La legge, già  passata alla Camera, è stata approvata il 15 luglio con 60 voti favorevoli e 39 contrari, con 3 repubblicani che hanno dato il loro appoggio. Ora manca solo la firma del presidende Barack Obama, prevista entro una settimana. “Questa riforma – ha dichiarato Obama – protegge i consumatori e mette fine agli oscuri maneggi”.

Il riassetto del settore finanziario circoscrive e prende di mira le attività  più a rischio condotte dalle banche, ma non separa drasticamente le attività  al dettaglio come chiedevano molti democratici. Il testo è il frutto di settimane di negoziati dalle quali è emerso un accordo sulla regolamentazione dello scambio dei derivati e sui limiti di capitale proprio investibile dalle banche. Queste ultime saranno chiamate a scorporare alcune attività  che effettuano trading di derivati. Arrivano grossi limiti, inoltre, alla facoltà  di investire in hedge-fund e fondi di private equity. Il “proprietary trading” sarà  sottoposto a restrizioni che ridurranno la possibilità , per le banche, di usare i depositi assicurati da fondi federali per la compravendita di asset a loro vantaggio. Le attività  dei derivati saranno “traslocate” in newco separate dalle banche che potranno, nel caso, fallire senza coinvolgere gli istituti di credito.

La legge istituisce il Consumer Financial Protection Bureau: è il nuovo organismo a tutela dei consumatori che potrà  stabilire e far applicare nuove regole per mutui ed altri prestiti. L’obiettivo è di impedire quel Far West sui prodotti finanziari (mutui, prestiti, carte di credito) scatenatosi ai danni dei cittadini nella fase più acuta della crisi esplosa nel 2008.

Altrettanto ambiziosa, e importante, la norma ribattezzata “Too big to fail” (troppo grande per fallire): in futuro il governo potrà  assumere il controllo di (e liquidare correttamente) grandi società  in crisi senza dover stanziare misure di salvataggio onerose per i contribuenti come il bail out da 200 miliardi di dollari varato per Aig. Il nuovo meccanismo, coordinato tra Federal Deposit Insurance Corp (Fdic), Tesoro e Fed, dovrebbe scongiurare anche tragedie opposte, come il fallimento della Lehman Brothers, consentendo interventi tempestivi come la rimozione del management e la ricapitalizzazione di società  sull’orlo della bancarotta.

Quanto ai rischi del sistema finanziario globale, la legge stabilisce la creazione di un nuovo organismo di controllo, il Financial Stability Oversight Council, che dovrà  mettere a punto un “early warning system” in grado di far scattare l’allarme su rischi di sistema alle porte.


Related Articles

Qualche (buona) ragione per non fidarsi della FIAT

La settimana scorsa l’amministratore delegato della Fiat, Sergio Marchionne, ha ribadito l’intenzione della società  di realizzare il progetto Fabbrica Italia, con l’investimento di circa 20 miliardi di euro e il mantenimento della «testa» in Italia, sempre che sia garantita la governabilità  delle fabbriche.

Fmi: la crisi non è finita, 20 milioni disoccupati nell’Ue

Troika. La direttrice Christine Lagarde propone tre tappe per rilanciare l’occupazione, ma nessuna traccia sull’allentamebnto del Fiscal Compact o del Patto di Stabilità

Sul caso Thyssen Confindustria non sa cosa dire

Imbarazzo e versioni contrastanti sull’applauso al manager condannato

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment