Amnesty – HRW: Usa e Nato aprano un’indagine sulle vittime civili in Afghanistan

“I documenti trapelati mostrano che i comandi Usa e la Nato non possono far affidamento sui rapporti iniziali circa le vittime civili” – ha affermato Rachel Reid di Human Rights Watch. “Un impegno a investigare a riguardo delle vittime civili è significativo solo se gli errori iniziali sul terreno vengono corretti e non diventano parte dei rapporti ufficiali” – ha aggiunto sottolineando che i documenti rivelati da WikiLeaks non fanno che dimostrare una “tendenza costante delle truppe americane e della Nato: nascondere le vittime civili“.

Amnesty International ha chiesto alla Nato di stabilire un sistema chiaro e unificato per chiamare i responsabili delle morti di civili in Afghanistan a rispondere del loro operato, dopo che la fuga di notizie sulla guerra ha messo in evidenza l’incoerenza delle procedure relative alle vittime civili. Circa 92mila documenti militari statunitensi sulla guerra in Afghanistan relativi al periodo 2004-2009 sono stati pubblicati dal sito Wikileaks domenica 25 luglio.

“L’immagine che emerge dai dati divulgati sulle vittime civili è che il comando della Nato non sapesse esattamente cosa stava succedendo sul terreno” – ha dichiarato Sam Zarifi, direttore del Programma Asia Pacifico di Amnesty International. “Le informazioni militari confermano le preoccupazioni di vecchia data di Amnesty International sulla mancanza di un meccanismo coerente e sistematico per chiamare i responsabili delle morti di civili a rispondere del loro operato”. Le informazioni divulgate supportano i timori di Amnesty International circa un improprio sistema di reportistica delle morti civili, la mancanza di indagini sui casi documentati e uno scarso coordinamento tra le diverse forze nazionali sui casi, compresi quelli oggetto d’indagine.

I documenti resi pubblici mostrano passi avanti nel monitoraggio degli incidenti dopo le nuove regole d’ingaggio emanate nel giugno 2009 da parte dell’ex comandante della Nato, il generale statunitense Stanley McChrystal. Dal suo congedo nel giugno 2010, il suo sostituto, il generale statunitense David Petraeus, subisce pressioni da parte di ufficiali dell’esercito e parlamentari statunitensi affinché riduca le restrizioni che avevano garantito maggiore protezione ai civili.

“Questa fuga di notizie deve stimolare il commando della Nato a raddoppiare la protezione nei confronti dei civili. Le uccisioni devono essere oggetto di indagini trasparenti, sistematiche e coerenti e all’interno delle diverse forze presenti in Afghanistan, in modo che alle vittime e alle loro famiglie siano riconosciuti giustizia e risarcimento” – ha aggiunto Zarifi.

Rapporti di Amnesty International sulle morti di civili, come dopo l’incursione aerea a Kunduz nel settembre del 2009 e le uccisioni di due fratelli nel raid notturno a Kandahar nel 2008, hanno dimostrato il sistematico fallimento delle forze internazionali nel chiamare i responsabili a rispondere del loro operato. I documenti resi pubblici confermano le conclusioni cui era giunta Amnesty International sull’incursione aerea di Kunduz, che causò la morte di un numero sproporzionato di civili a seguito, pare, di informazioni imprecise fornite dalle forze tedesche.

Sebbene i documenti non riguardino il raid notturno di Kandahar del gennaio 2008, essi mettono tuttavia in risalto un problema centrale identificato dalle ricerche di Amnesty International su questo incidente, ossia, un’azione senza controllo delle forze speciali al di fuori della regolare catena di comando e in assenza di regole di ingaggio adeguate.

“Questi documenti non forniscono un ampio sguardo di insieme sulla situazione in Afghanistan. Le forze internazionali che operano nel paese devono ancora rispondere per quanto fatto in passato, devono agire immediatamente per assicurare che vi sia un sistema migliore di monitoraggio, di responsabilità  e di risarcimento per i civili afgani” – ha concluso Zarifi. “Questa fuga di notizie dimostra inoltre che i talebani sono responsabili per la maggior parte della violazioni dei diritti umani e delle leggi di guerra nel conflitto, ma questo non esonera la Nato dalla sua responsabilità  di proteggere i civili“. [GB]


Related Articles

Guerra in Afghanistan «Arrivano Altri 5mila militari Usa »

Afghanistan. Il provvedimento alla firma di Trump che ha dato carta bianca al capo del Pentagono Mattis. Pronta anche la richiesta agli alleati della Nato per altre truppe

Il nuovo corso visto dalla Casamance mai pacificata

Il conflitto armato nella regione è congelato, ma le condizioni di vita restano proibitive

Yemen: più vittime civili che in Siria nel 2015

Dalla fine di marzo, nello Yemen sono morti almeno 2500 civili, l’86 per cento delle vittime totali, tra cui più di 500 bambini, e il conflitto ha portato almeno 2,3 milioni di persone ad abbandonare le proprie case

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment