Come tassare la speculazione e vivere meglio

Una tassa sulle transazioni finanziarie è quindi un’urgenza, una necessità , uno dei primi obiettivi della società  civile, che, in tutto il mondo da ormai due decenni, si batte per mettere un argine alla deriva distruttrice, e in alcuni casi criminale, del sistema finanziario globalizzato. (…). Intervenire con una tassa globale è una battaglia di democrazia e trasparenza, la stessa evocata da alcune istituzioni internazionali e da una parte dell’ideologia iper-liberista quando si tratta di mettere le mani sui beni comuni o di contrastare minimi interventi di regolazione. Attraverso un piccolo, quasi insignificante, prelievo fiscale è possibile portare alla luce del sole i protagonisti dell’assalto alle materie prime (…), ma anche quelli che, negli ultimi dodici mesi, hanno deciso di sfruttare le difficoltà  di alcuni Paesi dell’area euro per attaccare la moneta unica. La tassa sulle transazioni finanziarie non è una panacea, ma rappresenta il primo mattone di nuove fondamenta che possano permettere di invertire una rotta che rischia, altrimenti, di avere effetti realmente drammatici sulle democrazie di tutti i paesi europei e nord americani. Gli introiti della Tassa globale possono essere utilizzati per risanare i conti pubblici, ridefinire le politiche per un welfare di cittadinanza, decidere strategie economiche basate sulla sostenibilità  sociale e ambientale, perseguire gli obiettivi del Millennium Goal delle Nazioni Unite per sradicare la povertà  assoluta. E, con l’istituzione di questo strumento, si può dare un contributo fondamentale al tentativo dei regolatori di mettere le briglia ai mercati fuori controllo.
La stragrande maggioranza dei cittadini è all’oscuro del fatto che gli operatori finanziari si sono costruiti un territorio extralegale, chiamato Otc (Over The Counter), dove, in virtù della deregulation e dell’applicazione del principio ideologico del mercato che si autoregola, possono esporsi a rischi incalcolabili e destabilizzanti. Un terzo del gigantesco Tarp, il fondo per la crisi creato dal congresso degli Stati Uniti su indicazione del governo, è finito a una società  di assicurazione privata, Aig, che ha utilizzato il danaro pubblico per ripagare alcuni grandi operatori finanziari, Goldman Sachs in testa, che si erano assicurati contro il fallimento della Lehman Brothers.
Ancora oggi, a distanza di quasi due anni da quella vicenda che ha contrassegnato drammaticamente per tutto il mondo l’esistenza di una crisi in atto già  da più di un anno, il mercato Otc è fuori controllo e le autorità  monetarie non sono in grado di dimensionare la reale esposizione al rischio. La Tassa sulle transazioni finanziarie serve anche a evitare che il mondo possa essere travolto dalla leva finanziaria di una finanza fuori controllo.
Da www.sbilanciamoci.info si può scaricare l’opuscolo promosso da Social Watch Italia sulla Tassa sulle transazioni finanziarie


Related Articles

Studi medici sempre aperti tassa su bibite gasate e alcol

Pronto il decreto: l’attività  dei dottori sarà  tracciata   Servizio 24 ore al giorno grazie all’obbligo dei professionisti di associarsi tra di loroTra le malattie curate dal sistema sanitario nazionale arriva la dipendenza dal gioco

Oggi pare d’obbligo odiare il pubblico

STRAGE DI PERUGIA
Tutti i dati ci dicono che gli statali sono più poveri e precari, eppure li si addita come «i privilegiati» Le due donne uccise a Perugia da un imprenditore disperato, depresso al punto da perdere il lume della ragione, erano due impiegate della Regione, due lavoratrici. Una aveva un contratto di collaborazione coordinata e continuativa, era una precaria a tempo determinato, l’altra fra un anno sarebbe andata in pensione.

Conclusioni Social Forum Mondiale: “Se il presente è di lotta il futuro è nostro!”

sviluppo globale

Con questa frase in calce alla Dichiarazione finale si è concluso lo scorso 29 gennaio sotto il sole cocente di Porto Alegre, il Social Forum Mondiale.Summit altermondialista che, dal 2001 anni, si svolge in parallelo al World Economic Forum della gelida e innevata Davos. E oltre alle differenze climatiche, non passano inosservati gli opposti approcci e le soluzioni proposte per l’uscita dalla crisi mondiale.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment