Carcere. Caritas: Urge un intervento prima dell’estate

Dall’inizio dell’anno 32 detenuti si sono tolti la vita e 96 agenti penitenziari sono stati aggrediti e feriti. Questi due semplici numeri raccontano la situazione drammatica delle carceri, effetto di una popolazione carceraria che nella storia dell’Italia repubblicana non è mai stata così numerosa: 67mila presenza circa, oltre una volta e mezza il numero degli ospiti consentiti dalle norme.

Il sovraffollamento rende la vita impossibile a tutti: ai detenuti, ai poliziotti, agli operatori sociali. La conseguenza è che il sistema carcerario sta diventando solo un luogo di afflizione, un posto ingiusto e insensato, che viene sempre più meno agli scopi di rieducazione e reinserimento sociale previsti dalla Costituzione.

Con l’avvicinarsi del caldo estivo, la situazione diventerà  esplosiva. Le proteste dei detenuti che in questi giorni stanno montando negli istituti della Lombardia e del resto d’Italia sono segnali inequivocabili. Persino il mondo del volontariato carcerario, una presenza preziosa che ha sempre garantito la propria collaborazione, è arrivato al punto di annunciare, attraverso l’organismo che lo rappresenta la Conferenza Nazionale del Volontariato e della Giustizia, l’autosospensione dal servizio.

Purtroppo il governo, nonostante i continui annunci, sta ancora discutendo sulle misure da adottare. Pur non condividendo completamente i provvedimenti previsti nel decreto Alfano, peraltro ancoro imbrigliato nella burocrazia legislativa e nei veti incrociati dei partiti, si auspica che sia adottato al più presto. La vera riforma, significativa e risolutiva, sarebbe quella di prevedere un nuovo sistema sanzionatorio, basato sulla giustizia ripartiva. È noto che coloro che hanno usufruito di pene alternative alla detenzione hanno un tasso di recidiva del 5%, mentre chi ha scontato tutta la pena torna a delinquere 2 volte su tre (66%). Questi dati dovrebbero portarci a concludere che il carcere non può essere la sola soluzione. Ne va dei diritti dei detenuti e della sicurezza dei cittadini.

La Chiesa ambrosiana è da sempre vicina al mondo del carcere. Sono 500 i volontari che offrono assistenza ai detenuti e ai loro familiari attraverso visite periodiche e l’affiancamento degli operatori sociali nelle sette case circondariali e di reclusione presenti nella diocesi. Un aiuto prezioso senza il quale non sarebbe possibile  svolgere molte attività  rieducative.

In particolare Caritas Ambrosiana gestisce a Milano uno sportello di ascolto e orientamento per problemi legati alla casa, al lavoro a questioni giudiziarie. Nel 2009 lo sportello ha seguito 192 persone. Inoltre l’ente ecclesiale è in grado, attraverso l’attività  delle cooperative e associazioni del progetto “Un tetto per tutti”, di mettere a disposizione 27 posti letto a Milano per le persone che escono dal carcere e non hanno un alloggio. Fondamentale, infine, è l’azione di sensibilizzazione attraverso percorsi di formazione nelle scuole e l’annuale visita dei detenuti con i cappellani delle carceri. Un’iniziativa realizzata in collaborazione con la Pastorale giovanile che in 9 anni ha coinvolto circa 1500 ragazzi.


Related Articles

Il sussidio di povertà italiano ha come modello l’«Hartz IV» tedesco

Workfare tedesco-italiano. Il vicepremier ministro del lavoro e sviluppo Luigi Di Maio ha incontrato il suo omologo tedesco Heil a Berlino

Torino, bimbo muore in ospedale “Impianto in tilt, sfiorata la strage”

Guasto alla centrale di ossigeno, nel reparto altri 8 piccoli.   Luis, 10 anni, era arrivato dal Venezuela Aveva subito un trapianto 

I DIRITTI DEI COLPEVOLI

CHE in uno Stato di diritto le forze dell’ordine abbiano il dovere di garantire la sicurezza di tutti i cittadini e il vivere insieme collettivo è fuori discussione. Soprattutto in un periodo di crisi non solo economica ma anche sociale e morale come la nostra, un’epoca in cui i crimini e i delitti contro le persone non cessano di aumentare e la cronaca è scandita quasi quotidianamente da fatti di sangue. È possibile però che queste stesse forze dell’ordine non siano poi in grado di garantire anche l’incolumità dei presunti colpevoli?

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment