Richieste d’asilo dimezzate, Arci: “Italia paese-fortezza”

ROMA – “L’Italia si conferma paese ostile persino ai rifugiati”. Lo dichiara Filippo Miraglia, dell’Arci nazionale, commentando i dati dell’ufficio statistico comunitario Eurostat che rende noto il numero delle domande presentate paese per paese dai richiedenti asilo e le risposte che hanno ricevuto i singoli richiedenti. I dati riguardanti l’Italia confermano che nel 2009 i richiedenti asilo sono stati 17.500, numero drasticamente dimezzato rispetto all’anno precedente, come già  denunciato dall’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati. Con 47.600 domande, la Francia risulta il paese con il maggior numero di richiedenti asilo, seguita da Germania (31.800), Regno Unito (30.300), Svezia (24.200), Belgio (21.600).

 “Nel 2008 – si legge in una nota – con un numero di richieste comunque inferiore a quello di altri paesi, il ministro Maroni lamentava l’impossibilità  dell’Italia a far fronte alle richieste e chiedeva un impegno degli altri paesi europei. Oggi che c’è stata questa imponente riduzione, frutto anche della inumana politica dei respingimenti, il governo dovrebbe inaugurare una nuova stagione dell’accoglienza e assumersi le responsabilità  che competono anche al nostro paese. Invece si rafforza l’accordo bilaterale stretto con l’Egitto per contrastare la partenza di migranti da quel paese verso l’Europa e Maroni intende stringere simili accordi con altri paesi africani”.

 “L’Italia si conferma sempre più, dunque, come paese-fortezza, le cui frontiere – nell’intenzione del ministro della Lega – devono restare chiuse e non importa se chi bussa alle nostre frontiere è in fuga da guerre, persecuzioni o povertà  e meritevole di tutela in base al diritto internazionale. Da parte nostra continueremo a opporci in ogni modo a simili scelte politiche che non rispettano né le convenzioni internazionali, né la nostra Costituzione, né la solidarietà  che si deve a ogni essere umano.

© Copyright Redattore Sociale


Related Articles

Afghanistan, giustiziata dai Taliban: “Era adultera”

La donna, una vedova, era rimasta incinta dopo la morte del marito: è stata frustata e poi finita a colpi di kalashnikov alla testa.  Le ong rivedono le misure di sicurezza dopo la strage dei medici: ridotti gli spostamenti  

Isis, il corpo femminile bot­tino di guerra

Donne bot­tino di guerra. Donne schiave del sesso, ven­dute per 10 dol­lari agli schia­vi­sti dell’Isil (Stato isla­mico in Iraq e nel Levante). E quelle che osano ribel­larsi ven­gono uccise

“Governo asservito al Vaticano e l’Europa è sempre più lontana”

Gianni Vattimo: a caccia di una manciata di voti Il problema è che in Italia manca una legge anti omofobia, che punisca severamente questi atteggiamenti odiosi. Andrebbe approvata urgentemente

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment