Navi attaccate da Israele, lo sdegno e la condanna delle ong italiane

ROMA – Sdegno e condanna. È la posizione assunta da alcune ong italiane che fin dalle prime ore del mattino hanno reagito con comunicati e dichiarazioni alle notizie che arrivavano sull’attacco israeliano alle navi della Gaza Freedom Flottilla. Per Paola Canarutto, presidente di Rete Eco – Ebrei contro l’occupazione e membra del comitato esecutivo dell’ong internazionale European Jews for a just Peace “è un orrore. Come Rete Eco abbiamo sostenuto e mandato un contributo alla Freedom Flotilla. Il direttore di Jews for peace non sappiamo se sia vivo o morto”. Rispetto alla notizia diffusa dall’esercito israeliano secondo cui la marina militare avrebbe reagito all’attacco armato degli attivisti, la Canarutto ribatte che “l’esercito ha affermato di essere stato attaccato da armi contundenti. La sola cosa che potevano avere a bordo sono coltelli da cucina”.

Anche l’organizzazione non governativa Educaid, che ha attivi diversi progetti di cooperazione allo sviluppo nella Striscia di Gaza, sta seguendo l’evolversi della situazione: “Siamo in contatto telefonico con i nostri cooperanti. Alcuni dei volontari in Cisgiordania si stanno unendo alla manifestazione israeliana nel porto di Ashdod”, spiega Riccardo Sirri dell’associazione Educaid. “Siamo rimasti scioccati da quanto accaduto e stiamo cercando di metterci in contatto con gli italiani a bordo. I comunicati delle Nazioni Unite parlano di un attacco a civili inermi: anche noi ci uniamo a questa posizione”.

Gianvito Padula, responsabile del progetto Go’el della Comunità  Papa Giovanni XXIII, attiva con progetti di sostegno a ong israelo-palestinesi, si unisce alle voci di altre associazioni: “Siamo sconvolti e preoccupati per quanto accaduto e quanto può accadere. Chiediamo anche noi un intervento internazionale per capire cosa è accaduto. La nostra solidarietà  va a tutti coloro, palestinesi, israeliani e internazionali che continuano a lavorare per il dialogo”.

Anche Peacelink ha fatto sapere attraverso il suo sito il proprio “sdegno per la violenza di un attacco che viola il diritto internazionale”.

 

© Copyright Redattore Sociale


Related Articles

Cooperanti morti a Kabul: «Inascoltati testi importanti»

Roma/ LA PROCURA CHIEDE DI NUOVO DI ARCHIVIARE IL CASO
Siringo e Iannelli morirono nel 2006 L’inchiesta venne chiusa come un caso di overdose Ma per la famiglia fu un delitto

War-station con vista lago, la guerra fredda dell’era globale

Sulla via di Damasco. Attorno al conflitto siriano scontro multipolare e faida dentro l’islam

Cecchini che non lo erano

Dillard Johnson

Lunedì alcuni giornali internazionali – in Italia Repubblica e il Secolo XIX – hanno raccontato una storia che ha colpito chiunque l’abbia letta: a un soldato americano era stata attribuita l’uccisione di 2746 iracheni durante la guerra in Iraq. Duemilasettecentoquarantasei. Storia pazzesca, e infatti Repubblica ce l’aveva in prima pagina e con tre pagine all’interno.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment